Yanga-Mbiwa lo prende in giro e Ibra si vendica a modo suo! (VIDEO)

Pubblicato il autore: Gianluca Cedolin Segui

Ibra
Tra le tante cose da non fare su un campo di calcio (e in generale nella vita) una di queste sicuramente è prendere in giro Zlatan Ibrahimovic. Nel corso degli anni sono tante le persone nel mondo del pallone ad aver capito che con il fuoriclasse svedese non bisogna scherzare. Da John Carew, al quale dopo una provocazione Ibra rispose che: “Quello che John Carew può fare con un pallone, posso farlo con un’arancia” a Guardiola, al quale pare che Zlatan disse: “Non sono violento, ma se fossi in Guardiola avrei paura” fino a due giganti come Materazzi e Onyewu, il primo spedito in ospedale durante un Milan-Inter (deciso proprio dallo svedese) e il secondo preso a cazzotti durante un allenamento quando Ibra vestiva la maglia rossonera.

Grande campione, lottatore vero, ma anche ragazzo non sempre facilissimo, il “ragazzo del ghetto” non è uno che te la lascia passare facilmente in campo. L’ultimo in ordine di tempo a farne le spese è stato l’ex difensore della Roma Mapou Yanga-Mbiwa, attualmente in forza al Lione. Il siparietto tra i due è andato in scena la scorsa domenica durante l’incontro di Ligue 1 tra Lione e Paris Saint-Germain, che ha visto cadere per la prima volta in stagione i campioni di Francia di Laurent Blanc, sconfitti per 2-1 ma comunque primi a ben 23 lunghezze di margine sulla seconda e pronti a festeggiare di nuovo la vittoria del campionato transalpino.

Dopo il gol del vantaggio dei padroni di casa lionesi, il difensore classe ’89 ha festeggiato con un balletto irridente proprio vicino a Zlatan Ibrahimovic. Poco tempo dopo tuttavia ecco servita la vendetta dell’ex attaccante di Juventus, Inter e Milan: lancio lungo per Ibra che, non riuscendo ad arrivare sulla palla, sposta con una spallata il francese facendolo volare per terra. Alla spinta è seguito il consueto sguardo di pietra di Ibra, come a dire: “Guarda cosa succede a chi mi deride”.

Qui di seguito si può rivedere il video di quanto accaduto lo scorso 28 febbraio al Parc Olympique Lyonnais:

Una mini-faida comunque conclusasi qui e che non ha avuto ulteriori sviluppi: scaramucce da rettangolo di gioco insomma, ma con Ibrahimovic bisogna sempre stare attenti…

  •   
  •  
  •  
  •