34.ma Serie A, Udinese Fiorentina 2-1: le voci degli allenatori

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui
1
UDINE – Crisi profonda per la Fiorentina, sconfitta anche in casa dell’Udinese per 2-1 nell’ultimo turno infrasettimanale di questa stagione 2015-2016. Le reti che hanno deciso l’incontro sono state siglate da Zapata al 2′ (angolo di Widmer, il colombiano insacca di testa), pareggio viola al 23′ con Mauro Zarate (tap-in vincente dopo parata di Karnezis), chiude la gara al 53′ Thereau che approfitta di un errore di Bernardeschi ed appoggia alle spalle di Tatarusanu.

Udinese Fiorentina 2-1, le voci dei protagonisti

LUIGI DE CANIO, ALLENATORE UDINESE: “ORA NON CI FERMIAMO” – Il tecnico dei friulani commenta così la vittoria contro la Fiorentina ai microfoni di Rai: “Una buona prestazione contro un grande avversario. Loro palleggiano bene e non ti danno punti di riferimento. Non era facile mantenerci ben messi in campo. Ma ci siamo riusciti grazie al miglioramento avuto nel corso delle ultime settimane. Non ci siamo disuniti, siamo rimasti fiduciosi e convinti per vincere. Salvezza? Numeri alla mano con questa vittoria abbiamo preso un bel vantaggio. Nello spogliatoio ho detto ai ragazzi che dobbiamo chiudere bene il campionato. Ci siamo salvati per merito nostro, non per demeriti altrui. E questa squadra merita una posizione migliore di quella che ha. Per cui dobbiamo giocare fino alla fine senza mollare. Futuro? Nonostante faccia bene sento molti nomi, ma io penso a far bene. Credo di dimostrare di poterci star bene anche io in questo ambito. Non so che decisioni ci saranno ma penso solo a godermi il momento”.

PAULO SOUSA, ALLENATORE FIORENTINA: “AVVERSARIO MOLTO FISICO, SIAMO ANDATI IN DIFFICOLTA'” – Il tecnico dei portoghesi analizza così la prestazione dei viola dopo la sconfitta contro l’Udinese: “Quella contro la Juventus è una partita che è sentita tanto, vogliamo rendere orgogliosa e felice la città. Oggi abbiamo lavorato contro una squadra fisica e potente, un bel modo per prepararsi a domenica e ottenere un risultato che possa renderci felici. Ogni partita è diversa dalle altre. L’Udinese ci ha creato difficoltà sulle palle inattive perché più alta e fisica di noi, poi hanno lavorato sempre con giocatori veloci tra le linee. Nel primo tempo abbiamo creato opportunità importanti per segnare il 2-1, dopo c’è stata una seconda parte in cui non siamo riusciti a creare contro una squadra che si è difesa con tanti giocatori dietro la linea della palla. Attacco? Cercavo sia nuove soluzioni che ricambio per stanchezza dei singoli”.

  •   
  •  
  •  
  •