Andreas Brehme supera la crisi: dai debiti al Bayern Monaco grazie a Beckenbauer

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

andreas brehmeCampione del mondo con la nazionale tedesca guidata da Beckenbauer nel 1990 in Italia, nonché campionissimo dell’Inter e del Bayern Monaco Andreas Brehme sembra essere stato dimenticato dal mondo del calcio, eppure ha regalato tante gioie ai tifosi interisti e tedeschi, ed è stato uno dei terzini sinistri più forti del mondo.
Non si conoscono bene le dinamiche che portano al crollo economico e di immagine di alcuni ex campioni del mondo dello sport, che una volta smessa la carriera si perdono o iniziano attività che poi non riscuotono il successo sperato, quel che è certo è che il campione tedesco è stato letteralmente sommerso dai debiti, e per sanarli sembra essersi ridotto a lavorare per un’impresa di pulizie che si occupa di pulire dei bagni pubblici. Triste epilogo per chi ha fatto sognare le folle e per chi come calciatore si è sempre distinto per forte attaccamento alle maglie che ha indossato nonché professionista serio in allenamento.
Forse il mondo del calcio avrebbe dovuto regalargli qualcosa di più, magari un posto dirigenziale, o un lavoro nei settori giovanili, eccezion fatta per un breve periodo in cui Brehme lavorò come assistente di Giovanni Trapattoni allo Stoccarda, ma così non è stato, nonostante le vittorie e il rendimento sempre altissimo che il terzino ha sempre mostrato.
andreas brehmeFortunatamente il coach della nazionale degli anni ’90 Beckenbauer non l’ha dimenticato, e dando risalto al suo caso tragico ha fatto così che il campionissimo tedesco si aggregasse al Bayern Monaco come osservatore, è stato infatti lui l’anno scorso a suggerire all’Inter lo svizzero Shaqiri, in forza al Bayern lo scorso anno, in cui però era chiuso, e utilissimo nei primi mesi che Roberto Mancini lo ha avuto a disposizione, anche se a fine anno non è stato riscattato dai nerazzurri, per volere dello stesso Mancini, accasandosi in Inghilterra dove sta continuando a mostrare tutto il suo valore, e facendo forse storcere il naso a quei tifosi nerazzurri che non hanno ben gradito la troppa frettolosa cessione decretata dal tecnico di Jesi.
andreas brehmeCon questo articolo ho voluto ricordare Andreas Brehme come calciatore di livello altissimo, campione del mondo a Italia ’90, campione d’Italia con l’Inter di Trapattoni, con la quale ha vinto anche una Coppa Uefa e una Supercoppa Italiana, e campione di Germania con il Bayern Monaco e con il Kaiserslautern, formazione tedesca che lo ha scoperto e avviato al grande calcio.

Leggi anche:  Inter, avviati contatti con il Barcellona per l'esterno mancino
  •   
  •  
  •  
  •