Atletico Madrid-Bayern Monaco 1-0. Decide Saul all’11’.

Pubblicato il autore: Valerio Saitta Segui

atletico madrid-bayern monaco

Nella seconda semifinale d’andata di Champions l’Atletico Madrid batte 1-0 il Bayern Monaco e sposta l’asse della qualificazione verso Madrid. A decidere il mach al Vicente Calderon è uno splendido gol di Saul. La partita si chiude già all’11’; l’esterno spagnolo fa impazzire i tifosi con un “goal alla Messi”: tre giocatori dribblati e poi tiro che si infila nell’angolino. Il Bayern tenta di segnare il goal del pareggio, e la pressione aumenta nel secondo tempo. Ci va vicino Alaba al 54‘ ma lo ferma la traversa. Un legno lo colpisce anche l’Atletico, con un tiro di Torres (inguardabile per più di un tempo) che alla mezz’ora del secondo tempo prende un palo clamoroso. Tra sei giorni il ritorno all’Allianz Arena sarà una vera bolgia.

La partita:

Diego Simeone si presenta senza una pedina importante: Godin, fermato da un guaio muscolare. Al suo posto l’esperto Savic viene preferito a Lucas Hernandez.
Pep Guardiola sorprende invece tutti lasciando in panchina Mueller e Ribery: al loro posto le gambe e la corsa di Thiago Alcantara e Coman. 

Leggi anche:  Final Six, Roma-Atalanta: streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere campionato Primavera 1

Saul scalda i motori già dopo tre minuti con un tiro da fuori che Neuer controlla senza problemi. Poi il giovane centrocampista under-21 all’11’ si trasforma in Messi, dribbla tre giocatori e con un sinistro a giro mette il pallone nell’angolino. Il Calderon impazzisce, ma il Bayern non sembra accusare il colpo più di tanto e si rende pericoloso con un colpo di testa di Vidal (Gimenez salva nei pressi della linea) e una punizione di Douglas Costa che colpisce l’esterno della rete.  L’atletico però va vicino al raddoppio alla mezzora con Griezmann, che batte in velocità Javi Martinez e tenta di sorprendere Neuer sul primo palo. Il portierone baverese però ci mette il piede e gli nega la gioia del gol.

Nella ripresa l’Atletico si abbassa troppo e il Bayern comincia a spingere con grande forza. Alaba dopo 9′ effettua gran tiro da oltre 25 metri, il pallone sbatte sulla traversa e rimbalza ad un metro dalla linea del goal. Poi ci prova Martinez con un colpo di testa su calcio d’angolo, ma Oblak non si fa sorprendere. Al 64′ buona azione di Lewandowski che da pochi metri sfiora il goal con un tiro rasoterra in diagonale che si perde sul fondo. E’ un autentico assedio. Simeone in panchina inizia a spazientirsi e capisce che è il momento di maggior difficoltà per la sua squadra, anche perché Guardiola decide di mettere in campo i due grandi esclusi, Ribery e Mueller. Ormai però è tardi per cambiare le cose. Anzi è l’Atletico che rischia clamorosamente di raddoppiare. A quindici minuti dalla fine, in contropiede Griezmann fa una grande galoppata dalla metà campo, al limite dell’area serve Torres che dribbla un avversario e a tu per tu con Neuer tira a botta sicura: palo pieno. Koke raccoglie la palla e tira, ma il portiere tedesco para.
Il forcing finale bavarese non produce effetti e alla fine il “Cholo” porta a casa un successo importantissimo. Guardiola forse rimpiangerà la scelta di aver lasciato fuori Mueller e Ribery. In ogni caso la qualificazione è ancora aperta. Il Bayern in casa è capace di rimontare benissimo.

Leggi anche:  Italia-Austria: quella volta che...i precedenti

IL TABELLINO

ATLETICO-BAYERN 1-0
Atletico Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran, Gimenez, Savic, Filipe Luis; Saul (40′ st Partey), Gabi, Fernandez, Koke; Griezmann, Torres. A disp.: Moyà, Kranevitter, Correa, Gamez, Hernandez, Vietto. All. Simeone
Bayern Monaco (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Martinez, Alaba, Bernat (32′ st Benatia); Alonso, Thiago Alcantara (25′ st Mueller); Coman (19′ st Ribery), Vidal, Douglas Costa; Lewandowski. A disp.: Ulreich, Tasci, Goetze, Kimmich. All.: Guardiola
Arbitro: Clattenburg
Marcatori: 11′ Saul (A)
Ammoniti: Douglas Costa, Benatia, Neuer, Vidal (B), Saul (A)

  •   
  •  
  •  
  •