Atletico Madrid: gli incredibili numeri dal 2009 a oggi

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui
img_come_eliminare_la_mia_cronologia_di_ricerche_di_facebook_3445_orig
I colchoneros in semifinale di Champions League? Ormai da qualche anno sembra essere una piacevole abitudine per l’Atlético Madrid. I materassai , appunto, biancorossi come la tela usata per rivestire i materassi nei primi del ‘900 (scelta per non gravare più di tanto sulle casse della squadra working class della capitale spagnola). Una squadra che non ha sempre vissuto sotto i riflettori del grande calcio come i cugini del Real, ma da qualche anno a questa parte sta diventando un habitué del grande calcio spagnolo ed europeo.

Il merito è molto di Enrique Cerezo, imprenditore televisivo che nel 2003 ha rilevato la società dal vulcanico Jesús Gil y Gil, ma anche e soprattutto del cholo Diego Simeone. Dal 2009 a oggi, l’Atlético Madrid ha infatti sempre concluso la stagione vincendo almeno un trofeo: per dirla alla Mourinho, mai zero tituli, nel secondo decennio degli anni duemila. Una striscia vincente iniziata sotto Quique Sánchez Flores, allenatore dell’Atleti dal 2010 al 2011, capace di ottenere Europa League (primo successo nella seconda coppa continentale per i biancorossi) e in successione la Supercoppa Europea. Quelli erano gli anni di Forlán e del giovane Aguero, ma dal 2011 a oggi sono arrivati anche altri motivi per sorridere.

Leggi anche:  Inter: è tutto fatto per il campione argentino

E anche nella Liga, l’Atlético ha iniziato a piazzarsi regolarmente fra le prime della classe. Al primo anno, Simeone vince l’Europa League e arriva quinto in campionato; l’anno dopo, al terzo posto in Liga si accompagnano ben due trofei: Supercoppa europea e Copa del Rey. Il 2013-2014 è l’anno del decimo titolo di campione di Spagna, che mancava da ben diciannove anni, mentre nella stagione successiva i colchoneros devono “accontentarsi” del terzo posto in Liga e della Supercoppa di Spagna. La differenza con il passato si fa netta: perché l’Atlético aveva iniziato il terzo millennio addirittura in Segunda División, la serie B iberica. Retrocesso nella stagione 1999-2000, riesce a risalire solo nella stagione 2002-2003, ma fino al 2009 non arrivano trofei. E quello precedente risaliva al 1996.

Nato nel 1903, è impossibile descrivere l’Atlético con una società senza storia. Ma da allora al 2011, anno uno dell’era Simeone, sono arrivati 27 trofei (fra nazionali e internazionali) in 108 anni: uno ogni quattro anni. Dall’arrivo del Cholo, cinque trofei in quattro stagioni, senza considerare ovviamente quella in corso. Con un fiore all’occhiello quasi paradossale: la finale di Champions League, persa nel 2013/2014. Non succedeva da quarant’anni, stagione 1973/1974, allenatore Jorge Lorenzo, guarda caso altro argentino ex Lazio. E chissà che quest’anno…

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile
  •   
  •  
  •  
  •