Calcioscommesse: chiesti 6 mesi per Conte

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

Conte

Il procuratore di Cremona, Roberto Di Martino, ha chiesto una pena di 6 mesi per il Ct della Nazionale Antonio Conte, imputato nell’inchiesta sul Calcioscommesse. Tale pena si deve intendere con la sospensione condizionale. Ricordiamo che Conte è imputato per frode sportiva in relazione alla partita Albinoleffe-Siena del 2011. Per Conte il procuratore ha chiesto anche una multa di 8 mila euro.

La richiesta della Procura si è materializzata durante il processo celebrato con il rito abbreviato per gli imputati che hanno scelto questa modalità, tra i quali ci sono oltre ad Antonio Conte, anche il suo vice Angelo Alessio e il giocatore dell’Atalanta Guido Marilungo.

La sentenza è prevista per metà maggio, prima che l’Europeo in Francia abbia inizio. Per il calcolo della pena, il Pubblico Ministero era partito da una richiesta di 8 mesi, scesa a 6 mesi, avendo considerato lo sconto di un terzo della pena, previsto dalle particolari caratteristiche del rito abbreviato.

Leggi anche:  Probabile formazione Spezia- Juve, le scelte di Allegri

Il giorno dopo l’annuncio della firma col Chelsea, dunque, arriva per Conte questa notizia non certo positiva. E neppure edificante, visto il ruolo che Conte riveste in questo momento. Silenzio dalla Federazione che, ovviamente, attende gli sviluppi definitivi della questione prima di pronunciarsi.

In caso di condanna, la pena non dovrebbe comunque influire sull’inizio della nuova avventura in Premier di Conte. I legali del Chelsea e quelli di Conte, non a caso, hanno studiato la questione con dovizia di particolari, giungendo alla conclusione appena enunciata. Nonostante la possibilità di una condanna, il Chelsea ha sempre dimostrato di credere fermamente nelle doti di Conte, arrivando a volerlo fortemente e portando a termine la trattativa in un modo abbastanza rapido. I blues sono convinti che il profilo del tecnico ex bianconero, possa essere quello giusto per garantire alla squadra una pronta risalita, sia in Inghilterra che in Europa.
Sul fronte della giustizia, ora si deve attendere la sentenza della magistratura. Conte vive con estremo disagio questa situazione. La scelta del rito abbreviato è da intendersi proprio orientato verso quest’ottica. L’allenatore pugliese spera di uscire presto e bene da questa antipatica vicenda. In modo da iniziare l’avventura londinese con il massimo dell’entusiasmo e del buonumore.

Leggi anche:  Dove vedere Milan-Venezia, streaming e diretta Tv
  •   
  •  
  •  
  •