Cessione Milan: ecco perché Berlusconi ha deciso di vendere

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Cessione Milan: ecco perché Berlusconi ha deciso di vendere

Oggi durante l’assemblea annuale dei soci del Milan si dovrà approvare il disastroso bilancio del 2015 e si parlerà sicuramente anche della cessione Milan, perché negli ultimi trent’anni la società ha chiuso in attivo solamente tre volte. Silvio Berlusconi ha deciso di vendere il Milan perché le spese sono diventate insostenibili, raggiungendo nel corso degli anni 820 milioni di euro di passivo. L’ultimo bilancio attivo del Milan risale al 2006, anno in cui fu venduto Shevchenko. Oggi pomeriggio alle 16:00 l’assemblea dei soci discuterà la situazione della squadra, con i conti in rosso, fuori dalla Champions League e a rischio di non entrare neanche in Europa League. L’avventura di Silvio Berlusconi alla guida del Milan è giunta al capolinea, nonostante i molti trofei vinti in tutto il mondo negli ultimi anni, la squadra sta scendendo sempre di più verso il basso, mettendo in crisi il rapporto con i tifosi. Il Milan appartiene per il 99,9% alla Fininvest e per lo 0,01% ai tifosi, che hanno voce in capitolo e quest’oggi si faranno sentire.

Leggi anche:  Florenzi nel mirino della Juventus: i bianconeri provano il colpo

Cessione Milan inevitabile

La cessione Milan è diventata inevitabile per Berlusconi, perché dal punto di vista imprenditoriale e umano non è più possibile andare avanti in queste condizioni. Il peso della crisi della squadra oggi verrà discusso anche con la scomoda piccola percentuale azionaria detenuta dai tifosi, che sono quelli che pagano il biglietto allo stadio e sono stanchi di delusioni. Nel solo anno 2015 la Fininvest ha tirato fuori 150 milioni di euro, una cifra elevatissima, che sommata alle altre raggiunge la quota complessiva di 820 milioni tirati fuori dalla famiglia Berlusconi. La crisi del Milan sia dal punto di vista societario che economico va risolta, e l’unica soluzione per risanare i conti è vendere a chi ha grosse potenzialità economiche. Silvio Berlusconi ha fatto sapere recentemente che basterebbero settecento milioni di euro per avere il 100% delle quote societarie del Milan.

Leggi anche:  Gattuso-Fiorentina: è già divorzio!

Cessione Milan: le trattative in corso

Le voci sulle trattative in corso per la cessione Milan si sono susseguite a ripetizione negli ultimi tempi, ma l’unica cosa certa è che il compratore sarà cinese. Dopo la misteriosa sparizione di Mr. Bee, i candidati più accreditati sono due colossi dell’economia orientale, anche se i nomi non sono stati ancora ufficialmente rivelati. Le voci si rincorrono senza sosta su tutti i media, si parla addirittura della firma del contratto preliminare entro il fine settimana e della chiusura definitiva dell’affare entro fine giugno. Non c’è nulla di certo, i tifosi stanno in apprensione e forse dopo la riunione di oggi si saprà qualcosa di sicuro.

  •   
  •  
  •  
  •