Claudio Ranieri e la Premier League: carriera e premi per il Leicester

Pubblicato il autore: fabia Segui

Claudio_Ranieri
Tra le squadre che compongono la Premier League sicuramente  il Leicester in questa stagione ha già vinto: A partire da Mahrez, il miglior giocatore sul campo. D’altra parte se non fosse cosi non avrebbe vinto il premio di miglior giocatore dell’anno in Premier League.

Non si tratta di voci di corridoio o di semplice stima perché Riyad Mahrez è stato proprio “votato” dai suoi colleghi e avversari come miglior giocatore di Premier League della stagione. E’un vero traguardo storico per due motivi: Innanzi tutto non era mai successo che il riconoscimento andasse a un giocatore che non fosse di Arsenal, Chelsea, Liverpool, Tottenham o Manchester United; e in secondo luogo, questo premio non era mai andato a un giocatore africano: nemmeno Yaya Touré o didier Drogba l’hanno mai ricevuto.

Non è finita qui perché a quanto pare, tra i giocatori più “meritevoli,” è stato premiato anche Vardy (calciatore inglese, attaccante del Leicester City e della Nazionale inglese) per il suo record di gol .

Leggi anche:  Calciomercato Inter: individuato il nuovo portiere, primo contatto per acquistare il vice Lukaku

Jamie Vardy non passa inosservato e non se ne torna a mani vuote in ogni caso: può consolarsi con un altro riconoscimento, stiamo parlando di un maxi trofeo per il suo incredibile record di 11 partite consecutive in gol.

La squadra gioca molto bene, occorre quindi  riconoscere la bravura di Claudio Ranieri,  allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, tecnico del Leicester City, un uomo sempre fiducioso e ottimista.

Le sue ultime dichiarazioni sulla squadra, lo vedono sereno, infatti anche senza Vardy ha imposto la sua legge sullo Swansea di Guidolin portando la squadra ad una vittoria di 4-0. Eppure se per qualche motivo il Leicester dovesse crollare all’ultimo, avrebbe già vinto lo stesso. Perchè? E’ già il vincitore morale di questa Premier League 2015-2016.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic vicino all'operazione: cambiano i piani di mercato

In ogni caso la squadra vanta d giocatori come Vardy e Mahrez insieme a Kante e Morgan, un lavoro di precisione di cui il tecnico italiano può certamente essere fiero.

 

Spezzando una lancia in favore di Claudio Ranieri e della sua bravura, ricordiamo la sua esperienza pregressa prima di arrivare nel Leicester:

  • Esordisce in Serie A il 4 novembre 1973 in Genoa-Roma (2-1)
  • Passa successivamente al Catanzaro
  • Nel 1982 passa al Catania in serie B
  • Chiude la carriera di calciatore nel Palermo
  • 1993-1994 a Firenze allena una Fiorentina appena retrocessa
  • Il 19 settembre 1997 decide di accettare la proposta della società spagnola del Valencia
  • Nel 1999-2000 passa come allenatore all’Atletico Madrid
  • Il 16 settembre 2000 si sposta in Inghilterra per guidare il Chelsea
  • L’8 giugno 2004 firma un contratto triennale per allenare il Valencia
  • Il 12 febbraio 2007 accetta la proposta di Tommaso Ghirardi e prende il posto di Stefano Pioli sulla panchina del Parma
  • Il 4 giugno 2007 viene ufficializzato il suo ingaggio da parte della Juventus
  • Il 2 settembre 2009 diventa l’allenatore della Roma
  • Il 22 settembre 2011 sostituisce alla guida dell’Inter l’esonerato Gian Piero Gasperini
  • Il 29 maggio 2012 firma un contratto di due anni, con opzione per il terzo, con i francesi del Monaco
  • Il 25 luglio 2014 firma un contratto biennale con la Nazionale greca
  • Il 13 luglio 2015 viene annunciato come nuovo tecnico del Leicester City
Leggi anche:  Calciomercato Juventus: il possibile scambio tra Ronaldo e Pogba

 

 

Ripercorrendo i punti salienti della vita calcistica e di allenatore di Claudio Ranieri emerge una carriera ricca di colpi di scena e di successi, proprio come è attualmente la squadra che sta allenando fino ad oggi.

  •   
  •  
  •  
  •