Scroll to Top

Estasi Leicester, ma per il titolo Ranieri deve ancora sudare

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

claudio-ranieri-leicester-manager_3334102Soltanto tre partite e cinque punti separano il Leicester di Claudio Ranieri dal primo leggendario titotol della storia dei Foxes in Premier League . I Foxes, infatti, hanno vinto per 4-0 contro lo Swansea di Francesco Guidolin nella sfida valida per la 35esima giornata del campionato inglese e si sono avvicinati allo storico traguardo. Partite subito in discesa per la capolista, contro uno Swansea, già sicuro della permanenza in Premier League anche per il prossimo anno. Adesso la squadra allenata dal tecnico italiano attende di conoscere il risultato di Tottenham-West Bromwich, posticipo di questa sera, ma anche in caso di vittoria degli “Spurs”, il vantaggio rimarrà di cinque punti a sole tre partite dalla fine. Certo, il calendario del Leicester in questo finale di stagione non sarà dei più agevoli, ma ci sono buone possibilità per Vardy e compagni di tagliare per primi il traguardo. Ranieri è sempre in attesa di sapere l’entità della squalifica di Vardy, dopo l’espulsione rimediata contro il West Ham. L’allenatore romano però è stato rinfrancato dalla doppietta di Leonardo Ulloa, bomber di scorta che ha consentito di battere facilmente lo Swansea. Il Leicester è già sicuro di partecipare alla prossima fase a gironi della Champions League, evento storico nella storia dei Foxes. I tifosi del Leicester potranno ammirare nella prossima stagione al King Power Stadium campioni come Messi, Cristiano Ronaldo e Robben, roba da stropicciarsi gli occhi.
Nel prossimo turno di Premier League, il Leicester sarà atteso da un match molto difficile sulla carta, il primo maggio infatti, è in calendario Manchester United-Leicester . Lo United di Van Gaal, infatti, sta lottando per un piazzamento in Champions League e difficilmente potrà fare sconti. È vero comunque che il Leicester è capace di giocarsela con chiunque, anche a Old Trafford, e dunque vedremo senz’altro una partita scoppiettante. Sarà più facile, almeno sulla carta, il compito che attende la squadra di Ranieri il prossimo 7 maggio, quando si giocherà Leicester-Everton. Gli ospiti ormai non avranno più nulla da chiedere a questo campionato, ma i Foxes non dovranno commettere l’errore di sottovalutare l’avversario, squadra comunque temibile e con buone individualità. Infine, il calendario dell’ultima giornata di Premier League prevede, per gli uomini di mister Ranieri, un’altra trasferta molto difficile. Il 15 maggio si gioca infatti Chelsea-Leicester, e per i Foxes non sarà facile fare risultato allo Stamford Bridge. Il Chelsea ormai è fuori dalle posizioni che contano, ma la prossima squadra di Antonio Conte è comunque temibile perché piena zeppa di campioni. Ad ogni modo mancano solo tre partite di Premier League e poi sapremo finalmente se il Leicester sarà riuscito a compiere un vero e proprio miracolo calcistico.
Claudio Ranieri sta scrivendo una pagina memorabile di storia della Premier League, i tifosi del Leicester sono pazzi dell’allenatore italiano. Al fischio finale contro lo Swansea, tutto il popolo dei Foxes cantava “Ranieri oh oh” sulle note del celeberrimo “Volare” di Domenico Modugno. Mancano cinque punti a qualcosa che va al di là dello sport, che sfocia nella leggenda immortale, roba che neanche Nick Hornby, l’autore di “Febbre a 90°”, avrebbe potuto immaginare.

Leggi anche:  Le prime dichiarazioni su Instagram di Christian Eriksen
  •   
  •  
  •  
  •