Nazionale, infortunio Marchisio: Conte pensa al clamoroso ritorno di Pirlo

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

94e442b8cbffa013111ddd86b4a94e3e_77960_immagine_obigTutto serviva alla Nazionale di Antonio Conte tranne che perdere una delle sue colonne portanti, Claudio Marchisio è stato operato oggi al ginocchio infortunato, ne avrà almeno per 4 mesi. Conte ora dovrà pensare alle soluzioni da adottare per ovviare all’assenza del centrocampista della Juventus, perno infaticabile nella nazionale azzurra. Marchisio sarebbe stato ancora più prezioso se si pensa che può fare sia il regista che la mezzala, ben adattando le sue caratteristiche ai vari moduli provati da Conte tra qualificazioni ed amichevoli. Con De Rossi che sta attraversando forse la sua peggior stagione nella Roma, Conte per gli Europei sta pensando al clamoroso ritorno in azzurro di Andrea Pirlo. L’ex regista di Milan e Juventus, che compirà 37 anni il prossimo 19 maggio, sarebbe l’unico in grado di sostituire Marchisio per qualità e personalità. Vero è che Conte aveva di fatto estromesso Pirlo dal suo progetto di squadra per gli Europei, visto anche le faticose trasferta che avrebbe dovuto affrontare il centrocampista impegnato negli Usa. L’idea di un ritorno di Pirlo in Nazionale è sicuramente affascinante, ma Conte deve tener conto di tanti aspetti, più pratici che romantici.

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile

L’Europeo è una manifestazione dura dal punto di vista fisico, si affrontano squadre molto preparate tatticamente, sicuramente Pirlo è abituato a giocare a marce ridotte nella Major League Soccer.
Certamente il nome di Pirlo verrà tenuto in considerazione fino all’ultimo, tenendo anche conto delle condizioni fisiche di Verratti, che tengono non poco in ansia Conte. La soluzione alternativa ha il volto e i piedi di Jorginho, il regista del Napoli di Sarri che tanto bene sta facendo in questa stagione. Jorginho è stato convocato da Conte per le amichevoli contro Spagna e Germania, ma il C.t. non lo ha schierato preferendogli i più stagionati Montolivo e Thiago Motta. Con Marchisio out l’ex giocatore del Verona si candida prepotentemente non solo per un posto tra i 23 che partiranno per la Francia, ma per un ruolo da assoluto protagonista della Nazionale di Conte.
Non bastavano i dubbi su un attacco tutto da decifrare e con una difesa che deve fare i conti con gli acciacchi di Barzagli e Chiellini,  sulla testa di Conte è caduta anche la tegola- Marchisio. Ad un mese esatto dall’inizio del ritiro di Coverciano pre- Europei non si può certo dire che la missione francese nasca sotto i migliori auspici per i colori azzurri e per Antonio Conte.

  •   
  •  
  •  
  •