Inter, Mancini e il problema del gol, Icardi non basta

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

timthumbBrutta, bruttissima battuta d’arresto quella di Marassi contro il Genoa dell’Inter di Roberto Mancini, che forse rinuncia definitivamente ai sogni di Champions League per questa stagione. I nerazzurri hanno trovato davanti a sé un grande Lamanna, autore di almeno tre interventi decisivi, ma hanno pagato anche le imprecisioni sotto porta dei propri attaccanti. Mancini nel post partita ha palesato tutta la sua delusione per sconfitta patita contro gli uomini di Gasperini, ricordando che non è la prima volta che i suoi vengono puniti nel finale dopo aver sprecato troppo. L‘Inter ha il peggior attacco delle prime cinque della classifica di Serie A con 44 reti, un terzo delle quali è stato segnato da Mauro Icardi, sono 15 le reti del capitano nerazzurro. Scarso, troppo scarso l’apporto degli altri attaccanti nerazzurri, sono 8 le reti realizzate in campionato da Jovetic(4),Palacio(1), Ljajic(3) e Eder (0), cioè le reti segnate da Edin Dzeko, che non sta certo vivendo una grande stagione con la Roma. Desta sensazione lo zero nella casella dei gol fatti da Eder, uno che aveva segnato 12 gol nelle prime 19 giornate di campionato, evidentemente l’oriundo ha pagato più del dovuto il salto dalla Sampdoria all’Inter. Con Palacio che accusa il peso dei suoi 34 anni, con Jovetic e Ljajc troppo discontinui, è chiaro che l’Inter del prossimo anno dovrà affiancare a Icardi un altro grande attaccante, per colmare il gap con le prime tre della classifica. La differenza sta tutta lì, nei gol fatti, l’Inter ha subito solo due gol in più del Napoli, ma ha realizzato 28 reti in meno della squadra di Sarri, si spiegano anche così i 12 punti di distanza tra le due squadre.
La partita contro il Genoa poteva e doveva essere il trampolino di lancio per l‘Inter verso un finale di campionato con vista Champions. I Nerazzurri ora invece si trovano a sette punti dalla Roma, potendo comunque contare sul vantaggio negli scontri diretti nei confronti dei giallorossi di Spalletti. Nel prossimo turno l’Inter ospiterà l’Udinese di Gigi De Canio, sarà obbligatorio vincere per i nerazzurri, sperando che poi il Napoli fermi la Roma. La stagione nerazzurra sembra una corsa sulle montagne russe, fatta di continui e repentini su e giù, ma per ottenere grandi risultati nel campionato italiano c’è bisogno di grande continuità, questo Mancini lo sa bene, è la dura legge dei gol, fatti e sbagliati.

Leggi anche:  La UEFA si tinge di arcobaleno: Milan in sostegno dei diritti LGBT
  •   
  •  
  •  
  •