Juventus-Carpi aspettando Palermo-Sampdoria

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

tifosi2
Senza ombra di dubbio sarà una domenica di passione per i tifosi del Palermo.
Alle 12 e 30 soffriranno davanti ai televisori guardando la partita tra Juventus e Carpi, tifando al di là delle antipatie e delle simpatie che ciascuno di loro nutre, per la squadra torinese, e poi alle 15 al Barbera, solo quelli abbonati, potranno assistere a Palermo-Sampodoria.
Potenza del calcio: domani il più acceso anti juventino, simpatizzante per il Milan o per l’Inter, ma orgogliosamente rosanero prima di tutto, tiferà per la Vecchia Signora.
E le notizie che arrivano da Torino, sull’esclusione dalla formazione titolare di Paulino Dybala non fanno piacere. Comunque sicuramente la Juventus vorrà festeggiare lo scudetto appena conquistato e la presenza di Dybala o del probabile sostituto Zaza non dovrebbe influenzare le sorti dell’incontro.
Ma certamente il Carpi non scenderà in campo nelle vesti di vittima predestinata.
E poi a turbare l’attesa di Palermo-Sampdoria c’è il ricordo vivo degli episodi accaduti lunedì scorso durante Carpi-Empoli. Episodi sui quali la società rosanero ha pesantemente protestato anche attraverso un comunicato ufficiale. Ed in effetti l’espulsione dell’attaccante dell’Empoli Mch’edlidze alla mezz’ora del primo tempo ed il successivo annullamento al 54° minuto del gol di Pucciarelli, parecchie perplessità hanno suscitato tra gli addetti ai lavori, figuriamoci tra i tifosi rosa.
Anche la decisione del Prefetto di Palermo di impedire l’accesso allo stadio ai tifosi palermitani non abbonati è stato oggetto di contestazione da parte della società di Viale del Fante. E non poteva essere altrimenti, vista l’importanza della posta in gioco e la storia della tifoseria rosanero, che, al di là dei fatti successi prima e durante la partita con la Lazio, mai si era resa protagonista di intemperanze. E in ogni caso sembra strano, in una partita cosiddetta a rischio, permettere l’accesso ai tifosi della squadra ospite e negarlo a parte dei sostenitori locali.
L’ira di Zamparini in proposito, che già all’indomani di Carpi Empoli aveva rilasciato dichiarazioni di fuoco, non si è fatta attendere: «Questo è un Paese allo sfascio. Non ci sono altri commenti da fare. Come si può andare avanti così? È un’altra penalizzazione per il Palermo», ha detto il Presidente dopo la sentenza del TAR, che ha respinto il ricorso presentato dalla società e ha confermato la decisione assunta dal Prefetto.
E questa è una delle poche volte in cui i tifosi sono dello stesso parere del loro Presidente.
Tornando al calcio giocato, la partita di domani contro la Sampdoria per il Palermo è da vincere a tutti i costi e per questo si attende che i rosa confermino il carattere, la grinta e l’attaccamento alla maglia dimostrati nel secondo tempo della partita di Frosinone.
Mister Ballardini dovrà fare a meno dello squalificato Gonzalez, e a parte le certezze costituite da Sorrentino, Rispoli, Maresca, Vazquez e Gilardino, dovrà decidere, per completare il modulo 3-4-1-2 più volte provato in settimana, se utilizzare Cionek o Vitiello, per completare la difesa a tre con Goldaniga al posto di Gonzalez e il confermato Aldelkovic. Nel centrocampo si contendono un posto lo svedese Hiljemark e l’uruguaiano Brugman, mentre Lazaar dovrebbe sostituire Morganella. In attacco c’è da decidere chi tra Quaison e Trajkovski affiancherà Gilardino, diventato insostituibile.
Per cui la formazione iniziale dovrebbe essere composta da Sorrentino, Cionek (Vitiello), Goldaniga, Andelkovic; Rispoli, Hiljemark (Brugman), Maresca, Lazaar; Vazquez; Quaison (Trajkovski), Gilardino.
A questo punto non resta che aspettare prima il fischio d’inizio alle 12 e 30 e poi quello alle 15.

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile
  •   
  •  
  •  
  •