L’Empoli strapazza la Fiorentina: l’Inter di Roberto Mancini sale al quarto posto

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

roberto manciniLa vittoria dell’Inter di Roberto Mancini ieri contro il Frosinone in trasferta apre la strada al quarto posto che significa accesso diretto ai gironi di Europa League vista la devastante sconfitta della Fiorentina che perde rovinosamente il derby con l’Empoli per 2 a 0.
La squadra di Giampaolo da una vera e propria lezione di calcio ai viola guidati da Paulo Sousa, raggiungendo una storica vittoria che mancava ormai dal 1997.
Non bastano le tre punti a una Fiorentina spenta e ormai troppo arrendevole, e non aiutano le voci che danno Paulo Sousa in partenza, forse allo Zenit San Pietroburgo visto l’imminente divorzio con il portoghese Villas Boas. Tello, Kalinic e Bernardeschi, supportati da Ilicic non riescono minimamente a impensierire un Empoli schierato magistralmente, che imbriglia l’intera manovra della Fiorentina rendendola inoffensiva. Il pressing dell’Empoli si fa asfissiante tanto che la respinta corta di Roncaglia vede prontissimo Pucciarelli al 41′ a rubare palla e andare dritto in rete dove Tătăruşanu non riesce a opporsi.
Da quel momento entra in campo la Fiorentina, che inizia a far vedere un bel gioco e mantiene fino all’88’ il pallino del gioco, quando Zienlinski sfrutta un errore difensivo viola per chiudere la partita sul 2 a 0.

Leggi anche:  Dove vedere Ucraina-Macedonia del Nord: streaming e diretta tv in chiaro RAI?

Roberto Mancini sorride: l’Inter è quarta

Può sorridere Roberto Mancini che in virtù della vittoria di ieri contro il Frosinone si aggiudica il quarto posto, e quindi l’accesso diretto ai gironi di Europa League, che darebbero nuova linfa vitale alla squadra di Thohir, che economicamente non è di certo al top della condizione. Naturalmente la falce dovrà passare sull’esorbitante rosa nerazzurra che dovrà necessariamente privarsi di almeno due pezzi pregiati. Si parla molto della cessione di Perisic e di quella di Icardi, ma è difficile che partano tutti e due, specialmente perché l’anno prossimo l’Inter dovrà ritentare la qualificazione in Champions e non può farlo priva dei suoi due giocatori più rappresentativi.
Probabilmente sarà il solo Icardi a partire, sponda Parigi, dove sarà chiamato a non far rimpiangere Ibrahimovic, ormai vicinissimo al Manchester Utd e Cavani, che si sta accordando con la Juventus.
Un’altra partenza per l’Inter potrebbe essere rappresentata da Murillo, fortemente cercato dal Real Madrid che deve necessariamente mettere un punto fermo in difesa, e l’entourage di Zidane ha individuato nell’interista il giocatore giusto.

  •   
  •  
  •  
  •