Milan, buona la prima per Brocchi, Bertolacci è un caso aperto

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

215007031-6902a580-2bb5-4314-837c-244a36e316d9Dopo cinque giornate di astinenza il Milan torna alla vittoria in campionato, buon esordio per Cristian Brocchi, i tre punti contro la Sampdoria allontanano il Sassuolo e la Lazio nella corsa al sesto. I blucerchiati in questa stagione sembrano essere la medicina migliore per i mali rossoneri, tre vittorie su tre, tra campionato e Coppa Italia, per il Milan. Brocchi ha mandato in campo i suoi con il 4-3-1-2 di stampo “presidenziale”, con Bonaventura trequartista, che troppo spesso si è allargato sulla fascia sinistra lasciando le punte senza rifornimenti. Vittoria firmata, manco a dirlo, da Carlos Bacca, rete numero 15 per il colombiano, secondo nella classifica cannonieri alle spalle dell’irraggiungibile Higuain. Bene Mario Balotelli, voglioso e collaborativo come mai lo si era visto in questa stagione, Brocchi spera che questo di Marassi non sarà solo un episodio. Balotelli ha dichiarato a fine partita di non voler tornare a Liverpool, se giocherà così forse le sue possibilità di permanenza al Milan possono tornare a crescere. Bravo Kucka in mezzo, male, anzi malissimo Bertolacci, l’ex Genoa schierato da Brocchi nella sua posizione congeniale di mezzala, ha giocato l’ennesima partita incolore della sua stagione. Mister 20 milioni di euro è stato sostituito dopo pochi minuti del secondo tempo da Poli, non è un caso che da quel momento in poi il Milan abbia cominciato a giocare meglio, tanto da trovare poi il gol decisivo con Bacca dopo un gran giocata di Bonaventura. Bertolacci sembra non riuscire a reagire alla negatività che l’ha coinvolto in questa stagione, fatta di infortuni, pali e il peso dei soldi spesi per lui da Galliani.
Tutto risolto dunque? assolutamente no, i problemi del Milan restano, nel primo tempo la Sampdoria ha creato diversi pericoli, i doriani avevano anche segnato con Dodò, gol annullato per un dubbio tocco di Quagliarella che ha liberato il brasiliano davanti a Donnarumma. Bonaventura ha faticato a trovare la giusta posizione in campo, per un ruolo totalmente nuovo per lui, nato e vissuto esterno fino all’altro ieri.
Brocchi sta cercando di dare la sua impronta al Milan, fatta di possesso palla e qualità, i rossoneri ieri a Genova hanno tenuto molto il pallone, agevolati anche da una Sampdoria che dava l’idea di accontentarsi del pareggio. Per dichiarare guarito il malato Milan urgono conferme, già da giovedì, quando a San Siro arriverà il Carpi di Castori, assetato di punti salvezza.

  •   
  •  
  •  
  •