Napoli-Bologna: una vittoria dei partonepei per non buttare via una grande stagione

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui

napoli-bologna-streaming-siti-web-dove-e-come-vedere
Stasera al San Paolo va in scena Napoli-Bologna. Alle pendici del Vesuvio continua il silenzio stampa del Napoli. A ridosso dell’importante match contro gli uomini di Donadoni, e a pochi giorni dallo scontro diretto contro la Roma, la società partenopea rimane in silenzio. E’ un silenzio che sa di frustrazione, rabbia e rassegnazione. Indubbiamente ci sono anche delle colpe, se per colpe s’intendono le tre sconfitte nelle ultime cinque trasferte, i soli 14 punti realizzati nelle ultime nove partite con ben dieci gol subiti. Volendo si può provare a capire se è una colpa aver dato vita alla protesta plateale di Udine, con quattro (poi ridotte a tre) giornate di squalifica per il giocatore più rappresentativo, Gonzalo Higuain; se è una colpa essere arrivati al rush finale così in debito d’ossigeno. Se c’è una responsabilità individuale o collettiva nel non riuscire più a leggere in campo situazioni pericolose. Stasera il Napoli di Sarri torna in campo contro il Bologna, un altro dei crocevia di fine campionato per provare a difendere a denti stretti il secondo posto.

Leggi anche:  Moggi: "La Juve non ha mai alterato i risultati, lo hanno fatto le altre squadre. L'Inter senza Conte..."

Forse il poco turnover soprattutto ha pesato alla lunga. Il Napoli non appare più brillante come ad inizio stagione: Sarri ha schierato quasi sempre gli stessi 12-13 giocatori, arrivando così al mese di marzo completamente senza fiato. I giocatori chiave si sono ritrovati stanchi mentalmente e fisicamente. Quasi tutti gli interpreti dell’andata infatti, hanno avuto un rendimento a dir poco mediocre nel girone di ritorno. Urge una scossa, perchè gli avversari dietro ci sono, e a questo punto, se lo scudetto rimane una chimera, il secondo posto va difeso coi denti. Evitare i preliminari di Champions League ad agosto significa impostare la prossima stagione con più tranquillità, potendo anche arrivare a fine stagione senza essere a corto di energie. Per il prossimo anno sicuramente il Napoli dovrà allargare un po’ la propria rosa, e magari rinforzarsi un po’ sulle fasce.

Leggi anche:  L'Atalanta blinda il suo Pessina (e allontana le big) fino al 2025: progetto nerazzurro a lungo termine

Detto questo la stagione dei partenopei rimane da record, ma è chiaro che dopo aver trascorso metà campionato in testa alla classifica e aver espresso il miglior calcio d’Italia lascia un grande amaro in bocca. Ma questo è il calcio, e la Juventus si è dimostrata ancora una volta la più forte.

  •   
  •  
  •  
  •