Nel referto di Irrati c’è scritto “Vergognoso”

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Higuain-Irrati-750x422
Gira in queste ore, il referto di Irrati, arbitro di Udinese-Napoli, partita della reazione rabbiosa di Higuain, al momento del secondo cartellino del direttore di gara, che poi ha portato alla lunga squalifica di quattro giornate al Pipita. Sul referto, registrato dall’arbitro, c’è il peso della parola “vergognoso”, che Higuain, avrebbe urlato al momento dell’espulsione. Oltre, alle mani addosso, che le tv  ed i replay sentenziano. Ma non sembra una spinta provocatoria, ma più un atto di difesa. Fatto sta, che la sentenza è arrivata, ed ora il Napoli prepara il ricorso.  Il Napoli, inoltre attraverso il suo avvocato Grassani, vuol basarsi sul comportamento del centrocampista friulano Badu, che insieme ai partenopei, cerca di portar via Higuain, preso dalla rabbia, anche per motivare ai compagni, che la sua reazione fu dopo un pestone di Felipe, che l’aveva provocato.
Il referto di Irrati
“…dopo avergli mostrato il cartellino rosso, il calciatore Gonzalo Higuain, guardandomi negli occhi, urlava l’espressione “vergognoso”. Poi, ponendomi le mani al petto, mi spingeva lievemente facendomi indietreggiare, senza procurarmi dolore”.

“…Higuain tentava di entrare in contatto con un avversario, Felipe, ma non ci riusciva perché veniva fermato da alcuni compagni”.

Ora, girano le solite notizie di Bonucci, di Rizzoli che ammette di non aver subito nessuna provocazione o testata, ma la parola “vergognoso” è più offensiva di un “figlio di p……”? Ci vorrebbe un corso di reazioni alle offese personali, da parte degli arbitri, per prendere giuste ed eque squalifiche. Intanto, per quanto riguarda la prossima gara di campionato, il Napoli ospiterà il Verona, ultimo in classifica. E notizia preoccupante, non è stata vietata la trasferta ai tifosi scaligeri. Sappiamo, che i sostenitori del Ciuccio e di Giulietta, non nutrono tanta simpatia.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Probabili formazioni Inter Atalanta: i dubbi Darmian e Pasalic