Old Trafford, crocevia di Ranieri: a Manchester il miracolo Leicester può diventare realtà

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

ranieri-vardy
Il 23 settembre 2000 Claudio Ranieri debuttò su una panchina inglese nel teatro dei sogni, l’Old Trafford di Manchester. Chiamato a sostituire Gianluca Vialli come allenatore del Chelsea, Ranieri fermò il fortissimo United di Alex Ferguson, reduce da 4 vittorie e due pareggi, sul 3-3 grazie al gol in apertura di Jimmy Floyd Hasselbaink e alla doppietta in rimonta del norvegese Tore Andre Flo, dopo che i red devils si erano portati sul 3-1.
Da quel giorno l’allenatore romano guiderà i Blues per 4 anni (vincendo 107 delle 199 partite disputate), portando il club londinese tra le squadre più forti d’Europa raggiungendo nel 2003-2004 il secondo posto in Premier e la semifinale di Champions League (persa contro il Monaco).
Undici anni dopo il Leicester, dopo una salvezza miracolosa arrivata nelle ultime giornate del campionato 2014-2015, chiama Claudio Ranieri come nuovo traghettatore delle “volpi”. Arrivato tra lo scetticismo e l’ironia generale, con i bookmaker che lo indicavano come primo allenatore ad essere esonerato, Ranieri ha invece sorpreso tutta la Premier con la sua banda di ragazzi instancabili, capaci di rimonte incredibili all’ultimo secondo. Una partita alla volta il Leicester ha continuato a macinare punti e prestazioni, stabilendosi nei piani alti della classifica, trascinato dai gol dell’attaccante operaio Jamie Vardy e dalle giocate di Riyad Mahrez (eletto la scorsa settimana come miglior giocatore del campionato), laureandosi campione d’inverno a pari punti con l’Arsenal di Wenger.
Chelsea, Manchester City, Liverpool, Tottenham si sono dovute inchinare all’uragano Leicester, arrivato a tre giornate dalla fine del campionato a +7 sul Tottenham di Pochettino, altra grande rivelazione di stagione.
Circa 15 anni dopo, esattamente 5699 giorni dopo essersi seduto per la prima volta sulla panchina del teatro dei sogni,  in caso di vittoria contro il Manchester United di Louis Van Gaal, il Leicester dei miracoli di Claudio Ranieri scriverebbe una delle pagine più belle ed incredibili della storia di questo sport.
E finalmente il tecnico italiano è uscito allo scoperto: “Stiamo combattendo per realizzare un sogno. C’è ancora del lavoro da fare perchè mancano ancora tre punti e noi dobbiamo scendere in campo con la stessa mentalità che abbiamo avuto durante l’anno. La chance di diventare campioni può capitare ora o mai più, sembra un film di Hollywood e vogliamo il lieto fine”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Diletta Leotta, addio a DAZN: al suo posto arriva una giornalista di Mediaset