Totti: “Gioco gratis”. La Roma: “No grazie”

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui

francesco-totti-cropped_otzmur0mr1171xms3m3w2nai7

Totti sì, Totti no. A pochi giorni dal derby riesplode il tormentone dei tormentoni nella Capitale riguardante il futuro di Francesco Totti, sempre più lontano dalla Roma stando alle voci che si susseguono.
L’ultima indiscrezione (anche se presumibilmente ne seguiranno altre da qui ai prossimi due mesi) di questa telenovela – riportata da Rete Sport e subito ripresa dai vari siti e dalla Gazzetta dello Sport e Repubblica – parla di una richiesta fatta dal capitano giallorosso di giocare un altro anno, anche gratis, con la maglia della sua città o in alternativa di devolvere in beneficenza il suo stipendio ma la società americana avrebbe risposto picche. Una notizia che, se confermata, costituirebbe una pietra quasi tombale alle speranze dei tifosi di vedere il loro numero 10 in campo per un’altra stagione.
Non si è fatta attendere, però, la replica della società rappresentata dal presidente James Pallotta che da Boston, nonostante le 5 del mattino, ci ha tenuto a specificare che questo tipo di richiesta da parte dell’attaccante nato a Porta Metronia non è mai pervenuta alla dirigenza: “E’ una bugia. Qualcuno sta infangando il nome del più grande di sempre” – le parole del massimo dirigente giallorosso.
Da una parte quindi la presunta richiesta di Totti di giocare gratis per un anno rifiutata dai dirigenti, dall’altra la secca smentita del presidente bollando l’indiscrezione come un “Pesce d’Aprile“.  Quale delle due versioni è vera? Prontamente è scattato il tam tam nell’etere romano tra chi crede ad un “Gran Rifiuto” da parte della società che vuole interrompere una volta per tutte il rapporto con il capitano e chi invece pensa che si stia montando un caso che non esiste forse per mettere ulteriore pressione su una vicenda dai contorni a dir poco delicati.
La verità sembra lontana dal venire a galla almeno fino a quando le due versioni verranno ribadite con forza da entrambe le parti.
L’unica certezza, per ora, è che il contratto di Francesco Totti ogni giorno che passa è sempre più vicino alla scadenza (giugno 2016)  e del rinnovo non c’è ancora traccia. Le alternative sono sempre le stesse: Emirati Arabi, Usa o Cina anche se il capitano della Roma aspetterà fino all’ultimo uno spiraglio per continuare la sua storia d’amore con la maglia giallorossa che va avanti da 23 anni. Ma ad avvicinarsi sempre di più c’è anche il derby, in programma domenica, forse l’ultimo per quello che è stato il calciatore più forte della storia della Roma. E in casa giallorossa di tutto c’era bisogno tranne che dell’ennesima diatriba all’interno dell’ambiente giallorosso a poche ore dalla stracittadina.

  •   
  •  
  •  
  •