TRATTATIVA Suning – Inter: la verità è il mancato ingresso in Champions

Pubblicato il autore: Fabrizio Caminiti Segui

suning images
Se una settimana fa era soltanto una voce, da ieri sembra straordinariamente tutto in discesa. Il colosso di elettrodomestici cinese Suning Commerce Group capeggiato da  Zhang Jindong fa sul serio per acquisire il 20% delle quote interiste di Eric Thohir. La trattativa è in fase avanzata e l’incontro fino a tarda notte di giovedì sera e la giornata di osservazione di ieri ad Appiano Gentile da parte della delegazione cinese lascia presagire una sorta di accordo sulla parola. Addirittura secondo nostre fonti ci sarebbe un preaccordo già firmato e controfirmato dalla delegazione cinese ed Eric Thohir in persona. La società di Nanchino, leader nel settore di elettrodomestici in oriente, ha un patrimonio stimato sui 4,5 miliardi l’anno con 1700 negozi tra Cina, Giappone e Hong Kong e 13 mila dipendenti. La società che iniziò vendendo condizionatori adesso vale 15, 5 miliardi.

Le indiscrezioni portano ad un non immediato ma costante abbandono da parte del magnate indonesiano interista della società per una serie di motivazioni. Prima fra tutte il mancato ingresso in Champions League che avrebbe fruttato i soldi necessari per pareggiare i costi di gestione dell’anno precedente e pagato molti dei riscatti dei prestiti ottenuti la scorsa estate. Il piano in sostanza era questo e Mancini ne era al corrente, senza dimenticare che l’attuale presidente interista sta pagando due allenatori poiché il contratto di Mazzarri non è ancora terminato. Thohir non vuole andarsene lasciando la società in mezzo al mare, soprattutto ricordando le parole pronunciate il giorno in cui fece il suo ingresso ufficiale in pianta stabile in società.

Moratti era a conoscenza di tutto ma tacque poiché c’era la reale possibilità ad inizio marzo che l’ex patron nerazzurro potesse clamorosamente riprendersi la società ma per varie motivazioni, non ultima quella del colosso cinese, saltò tutto. La quota come già detto sarebbe il 20% e anche oggi si sta continuando a trattare ad oltranza per limare tutti i dettagli. Questo 20% è destinato a salire anche per volontà dello stesso Zhang che dopo aver acquisito il marchio della famosa squadra cinese Jiangsu Sainty è intenzionato a prendere l’Inter in blocco per una strategica operazione di marketing. Thohir invece dal canto suo sembra intenzionato a non abbandonare definitivamente il mondo calcistico ed infatti starebbe trattando le quote della squadra inglese Tottenham Hotspur. Anche qui si tratta di un’operazione di marketing poiché secondo Thohir la Premier League sarebbe una vetrina fondamentale per i suoi affari e vedendo il miracolo Leicester non è detto che non possa arrivare a togliersi qualche soddisfazione.

  •   
  •  
  •  
  •