37.ma Serie A, dichiarazioni Verona Juventus 2-1

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui

verona-juventus-streaming-quando-e-come

VERONA – Dopo 26 partite senza perdere, la Juventus viene sconfitta allo Stadio Bentegodi con il punteggio di 2-1 da un retrocesso Hellas Verona. Il risultato è stato maturato grazie alle reti del ritirante Toni (minuto 40′) su calcio di rigore, che batte Neto con un cucchiaio, raddoppio gialloblu con il giovane di scuola Roma Federico Viviani al minuto 56′, con uno splendido cross di Ionita per il numero 24, che batte Neto con un destro impeccabile. I bianconeri accorciano le distanze a tempo scaduto, con Dybala su rigore (minuto 93′). Nel finale, espulso Alex Sandro della Juventus per somma di ammonizioni dopo fallo su Wszolek.

DICHIARAZIONI VERONA JUVENTUS 2-1

MASSIMILIANO ALLEGRI, ALLENATORE JUVENTUS: “BISOGNA RIMETTERE LA TESTA APPOSTO PER LA COPPA ITALIA” – Al termine della sfida contro il Verona, intervistato da Sky Sport, il tecnico bianconero analizza così la prestazione della sua squadra: “Abbiamo avuto un approccio sbagliato, bravo il Verona a giocare agonisticamente bene, noi non lo siamo stati, dobbiamo mettere la testa dove metterla per la coppa Italia. Fame? Attenzione e concentrazione non c’è stata. Abbiamo perso troppi duelli tecnici, eravamo scollegati. Ci tenevamo a finire nel migliore dei modi. Era una gara difficile dopo il straordinario momento di fine stagione. Gol subiti? Questo è un passo falso che deve far crescere la squadra ed il gruppo, i ragazzi hanno festeggiato troppo la conquista dello scudetto, dobbiamo rimetterci con la testa per giocare la gara di finale nel modo giusto. Spunto per trovare la concentrazione? Ci eravamo andati vicino con il Carpi, stasera ci siamo riusciti, ci rimettiamo a posto, sconfitta salutare per rimetterci come prestazione nella finale di Coppa Italia. Zaza e Dybala? Dovevano giocare, non hanno fatto una brutta partita. Una questione di attenzione, se perdi contrasti e duelli perdi, abbiamo il tempo per rimetterci in riga. Titolari? Impossibile perché c’erano quattro squalificati, chi mi darà più garanzie a Roma scenderà in campo. Deluso dai titolari aggiunti? Queste partite sono pericolose: vanno giocate con cervello e ordine, si doveva giocare ordinatamente, se non ci sei con la testa fai casino. Zaza ha fatto una buona partita ma non a livello di Dybala. Dobbiamo riprendere il cammino verso la finale con la testa giusta. Rinnovo? Non c’era bisogno di festeggiare il rinnovo, bisognava vincere”.

GIGI DEL NERI, ALLENATORE VERONA: “ABBIAMO GIOCATO BENE, CREANDO ABBASTANZA E CONCEDENDO POCO” – L’allenatore friulano analizza la vittoria contro la Juventus nell’ultima partita in Serie A del suo Verona: “Oggi la squadra ha giocato bene, ha concesso pochissimo e creato abbastanza. Serata non amara, abbiamo battuto una squadra con qualità importanti, uscire a testa alta oggi era la cosa più importante. Toni? Abbiamo parlato, se non si faceva male aveva bisogno del tributo del pubblico, ha fatto cose straordinarie, ad un campione si concedono queste cose. Fatica con le piccole? Abbiamo fatto benissimo con certe concorrenti senza fortuna, purtroppo le partite che dovevamo vincere le abbiamo perse, quelle che dovevamo perdere altrettanto. Ma oggi abbiamo creato molte palle gol. Nonostante tutto, i ragazzi meritano rispetto: anche se sono retrocessi, hanno qualità importanti.”

  •   
  •  
  •  
  •