Amichevoli Europei 2016: sorpresa Slovacchia, tegola per Dzeko

Pubblicato il autore: Marcello Mutalipassi Segui

Amichevoli Europei 2016Un fine settimana pieno di impegni amichevoli in vista degli Europei 2016 in Francia. Ad Augusta, una Slovacchia sorprendente si impone su una Germania senza titolari; il risultato finale di 3-1 è merito di giocatori che militano nel nostro campionato, come Marek Hamsik e Juraj Kucka.
In Svizzera, la Spagna di Del Bosque supera con lo stesso risultato, 3 a 1, la Bosnia di Dzeko e Pjanic. Purtroppo l’attaccante della Roma ha dovuto lasciare il campo prematuramente per un problema fisico. Il successo delle furie rosse è merito dell’attaccante del Celta Vigo Manuel Agudo Duran, meglio noto con il nome di Nolito, che ha firmato una doppietta.
Ottima anche la prestazione dell’Albania di Gianni De Biasi: la sfida con la nazionale del Qatar termina con un 3-1 in rimonta per gli albanesi.

Amichevoli Europei 2016 – Marek Hamsik e Juraj Kucka, gli slovacchi italiani autori del successo sulla Germania

Alla WWK Arena di Augusta, la protagonista indiscussa è stata la pioggia. Loew manda in campo una Germania bis, con tutti i big lasciati a riposo. Il ct tedesco schiera tra i pali Leno, spazio per Kimmich in difesa e lo juventino Khedira in mezzo al campo. Il reparto d’attacco è nutrito, con tre mezzepunte (Draxler, Gotze e Sanè) dietro al centravanti ex viola Mario Gomez. Kozak risponde con uno speculare 4-2-3-1 con Hamsik in posizione più avanzata, a supporto di Duris. I tedeschi partono subito in vantaggio, al 13′, con un rigore procurato e realizzato da Gomez. Il pareggio degli slovacchi arriva al termine del primo tempo: al 41′ Marek Hamsik, tutto libero al limite dell’area, fa partire un destro che è imprendibile per l’estremo difensore tedesco. Due minuti dopo la Slovacchia ribalta il risultato con un colpo di testa vincente di Duris.
La pioggia si fa più forte e il secondo tempo inizia con quaranta minuti di ritardo. I tedeschi scendono in campo nuovamente rimaneggiati e con alcuni giocatori esordienti, Julian Brandt e Julian Weigl. Ma dopo appena 7′ la Slovacchia va nuovamente in gol: un altro corner, conclude al volo Kucka con un tiro non eccelso, ma la papera di Stegen, entrato al posto di Leno, decreta il 3 a 1 per gli ospiti. Il campo nel secondo tempo si fa ancora più pesante e non permette un’ottima circolazione di palla; i tedeschi non hanno mai veramente il pallino del gioco e gli Slovacchi vanno vicini alla quarta rete nel finale della partita. Successo meritato per la Slovacchia che ha lottato con maggiore caparbietà in campo, forse sarà una delle sorprese del torneo.

Leggi anche:  Olanda-Ucraina: streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere Euro 2020

Amichevoli Europei 2016 – Buona Spagna bis, doppietta di Nolito e Pedro per il successo sulla Bosnia

Il primo test per le Furie Rosse in vista di Euro2016  vede il team allenato da Del Bosque affrontare la Bosnia. Spagna in campo con un 4-1-4-1 con Bruno Soriano davanti alla difesa, Fabregas e Marco Asensio in mezzo, David Silva e Nolito come ali a centrocampo e in avanti Aduriz unico centravanti. Nella Bosnia Pjanic e Dzeko in campo dal primo minuto. Le furie rosse passano subito in vantaggio dopo appena 11′: Fabregas butta una palla in area, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa ribatte malamente e regala la palla a Nolito che non si fa pregare e la mette dentro. L’attaccante del Celta Vigo è in un’ottima condizione di forma e dopo soli altri 7′ approfitta di un altro errore della difesa bosniaca e con un pallonetto supera Begovic.
Dopo il 2 a 0, una tegola si abbatte su Edin Dzeko: l’attaccante della nazionale e della Roma è costretto ad uscire dal campo per un problema fisico, più tardi verrà comunicato che vi è una lesione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro.
Alla mezz’ora la Bosnia rialza la testa e accorcia le distanze: corner di Pjanic e in area Spahic sovrasta tutti e con un colpo di testa ribatte in rete. La Spagna sembra stanca e la Bosnia potrebbe pareggiare, se non fosse per l’improvvisa pazzia di Spahic, che prima spintona Azpilicueta e poi mette le mani in faccia a Fabregas, giunto in soccorso al compagno. Rosso diretto per l’attaccante bosniaco e Bosnia che dovrà giocare tutta la ripresa in dieci uomini.
Nel secondo tempo ci si aspettava una Spagna dilagante, eppure nonostante la superiorità numerica, non riesce a portare il colpo decisivo. Il terzo gol della Spagna arriva solo nel finale della ripresa con Pedro che ribatte in rete una palla respinta da Begovic. La Bosnia ha tenuto bene il campo anche in dieci e ha sfiorato il pari in un paio di occasioni. Squadra ben posta in campo e con delle eccellenti qualità, peccato per la sorte di Dzeko.

Leggi anche:  Serie D, Lavello Taranto 2-3: i rossoblù conquistano la promozione in Serie C

Amichevoli Europei 2016 – Dagli altri campi: bene Albania, Ucraina e Turchia. Portogallo ok anche senza Cristiano Ronaldo

L’Albania di De Biasi deve ancora crescere, ma lancia già segnali importanti. La squadra c’è e ha voglia di dimostrare il proprio valore, ogni tanto però alcune amnesie la fanno scivolare nel baratro, come lo svarione difensivo che ha permesso al Qatar di passare in vantaggio ad Hartberg, in Austria, dopo appena 2′. Il pari giunge una ventina di minuti dopo grazie alla rete di Ajeti, difensore del Frosinone. Al 40′ l’Albania ribalta il risultato, segna Lenjani. Nella ripresa il gol di Sadiku, al 64′, ferma il risultato sul 3-1.
A Torino l’Ucraina incontra la Romania in una gara piena di gol: la squadra di Fomenko si impone per 4-3. Passa in vantaggio la Romania con la rete di Torje, al 23′. Il pareggio degli avversari giunge al 43′ con Zozulia. Nella ripresa l’Ucraina dilaga e si porta sul 4-1 con le reti di Zinchenko, Konoplyanka e Yarmolenko. Nel finale la Romania tenta l’ultimo assalto e quasi beffa gli avversari; i gol di Alibec e Stanciu non bastano e la partita termina a favore degli ucrainii.
Il Portogallo, senza i titolari che hanno giocato la finale di Champions League, si impone per 3-0 sulla Norvegia: vanno a segno Quaresma al 13′, Guerreiro al 65′ e Eder al 70′.
Turchia vince di misura con il Montenegro grazie al gol di Mehmet Topal.

  •   
  •  
  •  
  •