Argentina, Higuain segna e Messi si ferma

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

EAST RUTHERFORD, NJ - NOVEMBER 15:  Gonzalo Higuain #9 of Argentina points to the corner in the first half against Ecuador during a friendly match at MetLife Stadium on November 15, 2013 in East Rutherford, New Jersey.  (Photo by Elsa/Getty Images)


Gonzalo Higuain segna. Il centravanti argentino in forza al Napoli del presidente Aurelio De Laurentis continua a segnare e non si ferma più. Dopo le 36 reti messe a segno con il Napoli nell’ultimo campionato di Serie A Tim, che gli è valso il record di reti segnate nel nostro campionato, il Pipita non ha nessuna intenzione di fermarsi. Il bomber azzurro ha deciso con una rete l’amichevole della Nazionale argentina contro l’Honduras. Una vera e propria prodezza, per un bomber che segna non solo tanto ma ogni suo sigillo è un concentrato di potenza e tecnica: nell’amichevole il Pipita ha prima superato un avversario con un tunnel, ha poi battuto il portiere con un cucchiaio. L’Argentina tutta si gode il suo bomber di razza, ma trema. Se da un lato infatti il Pipita non vuole più fermarsi, dall’altro lato c’è un giocatore argentino che si è fermato, destando preoccupazione in tutti. Leo Messi al 64esimo della partita dell’Albiceleste è stato costretto ad uscire dal campo dopo uno scontro di gioco. Il talento del Barcellona in queste ore si sottoporrà ad esami strumentali ed accertamenti approfonditi dopo l’infortunio che ha interessato la zona lombare. Al momento, la Pulce ha evidenziato solo una forte contusione sull’osso nella parte lombare sinistra, scongiurando dunque la paura di averlo visto a terra senza poter camminare da solo per uscire dal campo. Il fenomeno argentino dovrà riposare ma la sua presenza alla Coppa America Centenario non dovrebbe essere messa in discussione da questo colpo. Gerardo Daniel Martino, allenatore dell’Argentina, subito dopo la partita contro l’Honduras ha dichiarato a Ole.com.ar: “Siamo preoccupati per Leo Messi. Gli infortuni possono capitare anche in allenamento, i contrasti ci sono sempre. Ora dovremo aspettare gli esami per valutare l’entità del problema. Sono complessivamente soddisfatto della nostra prova nella gara con l’Honduras”. L’Argentina scenderà in campo e farà il suo esordio nella Coppa America nella notte tra lunedì 6 e martedì 7 giugno contro il Cile. Al momento, si escludono fratture dagli esami clinici effettuati e l’Argentina spera: Leo Messi dovrebbe recuperare nel giro di dieci giorni circa, ma il condizionale in questi casi è d’obbligo.

  •   
  •  
  •  
  •