Campionato Romania, muore in campo per arresto cardiaco

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui
Fonte: tuttosport

Fonte: tuttosport

Campionato Romania choc. Nel corso del match tra Dinamo Bucarest e Vitorul Costanza, conclusosi 3-3 e giocatosi ieri sera, Patrick Ekeng, promessa del calcio camerunense, si è accasciato improvvisamente a terra per un malore, probabilmente un arresto cardiaco. Dopo essere stato trasportato d’urgenza al più vicino pronto soccorso della capitale rumena Bucarest, i medici hanno tentato di rianimarlo per circa un’ora senza riuscirci ed è stato dichiarato clinicamente morto.

Il 26enne centrocampista africano era alla Dinamo Bucarest dal Gennaio 2015, dopo aver militato nel Le Mans e nel Cordoba (seconda divisione spagnola). Nonostante non avesse giocato molto, nelle dieci presenze giocate nel Campionato Romania era riuscito a fornire prestazioni ottime, e per tale motivo, il suo entourage stava trattando il trasferimento al Malaga a partire dalla prossima stagione.

Il tragico fatto è accaduto attorno al 70′, subito dopo il suo ingresso in campo. Fonti della televisione rumena Digisport (che ha trasmesso in diretta il match) accusano i soccorsi di non essere stati troppo tempestivi: essi sono intervenuti ben 2 minuti e 47 secondi dopo la richiesta di aiuto dei calciatori in campo e dello staff medico. Peraltro, l’ambulanza era priva di strumentazioni di emergenza e defibrillatori. Un tempo troppo lungo, se si considera che un arresto cardiaco può svilupparsi anche in trenta secondi. Tutte le partite del Campionato Romania sono state sospese e rinviate a dopo il 10 maggio.

Leggi anche:  Italia, partenza col botto, ma piedi per terra

La tragedia avvenuta allo “Dynamo Stadionul” (così si chiama lo stadio del Bucarest), fa riportare alla morte del giovane Pier Mario Morosini, avvenuta durante Pescara-Livorno nel 2012: in quell’occasione, il calciatore si accasciò a terra nel cerchio di centrocampo. Nonostante i soccorsi, Morosini morì due giorni più tardi all’ospedale della città abruzzese. Stessa sorte toccò ad Antonio Puerta, difensore del Valencia, accasciatosi a terra improvvisamente nel 2007 nel corso del match contro il Getafe; dopo aver ripreso per un attimo conoscenza, fu accompagnato nel reparto di terapia intensiva del Pronto Soccorso della città andalusa, dove trovò la morte a causa di arresti cardiaci ripetuti.

Dopo il fatto accaduto a Morosini, in Italia sono stati fatti passi avanti in materia di prevenzione a malori nell’attività sportiva e non solo: ogni luogo ad alta frequentazione di persone (stadi, aeroporti, stazioni…) deve disporre di almeno un defibrillatore, e deve sempre essere presente un operatore sanitario (due nelle ore di punta) in grado di usare il dispositivo medico e di svolgere manovre di primo soccorso. Nonostante questo, però, la prevenzione non è mai abbastanza e soprattutto nello sport, chi soffre di problemi di cuore deve prestare moltissima attenzione: se non si fanno i dovuti accertamenti, il rischio infarto è sempre dietro l’angolo.

Leggi anche:  Portogallo, UFFICIALE il giocatore positivo al Covid-19, addio Europeo
  •   
  •  
  •  
  •