Cessione Milan Berlusconi: oggi è decisiva

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

Cessione Milan Berlusconi

Cessione Milan Berlusconi:”Oggi abbiamo un incontro con i dirigenti Fininvest che potrebbe essere decisivo”

Sono preoccupato che la negoziazione vada troppo per le lunghe ci sono diverse grandi società cinesi che hanno manifestato l’interesse per la proprietà del Milan, società che hanno anche partecipazioni statali e sono loro che si stanno confrontando per veder quale percentuali attribuirsi. Voglio mettere in chiaro che chi mi sostituirà deve fare investimenti per portare il Milan in vetta in Italia, Europa e nel Mondo, ci deve essere la sicurezza che il Milan torni grande protagonista del calcio mondiale. Quindi non è soltanto il fatto che riguarda l’acquisto.
Oggi abbiamo un incontro con i dirigenti Fininvest che potrebbe essere decisivo
“. Lo afferma parlando di Cessione Milan Berlusconi, in diretta sull’emittente del Lazio Radio Radio.

Cessione Milan Berlusconi: “Negli ultimi 4 anni ho perso molta serenità”

Negli ultimi 4 anni -lamenta poi Berlusconi- sono stato attaccato in modo molto duro e ho subito ben 73 processi ho perso molta serenità, e negli ultimi tempi non sono potuto stare vicino al Milan, è mancato quel rapporto con i singoli calciatori, magari telefonicamente nell’ultima mezz’ora prima della partita. I tifosi non hanno memoria e si sono dimenticati dei pranzi a caviale e champagne, ma li capisco perché l’amore per il Milan ti porta all’attuale irriconoscenza per chi è stato alla base di quei successi. Il Milan di questo campionato – prosegue – mi ha fatto soffrire ma basta vedere come abbiamo giocato la finale di Coppa Italia con la Juventus per capire che abbiamo una rosa capace di fare moto di più di quello che ha fatto nel corso del campionato. Da parte mia c’è stata la mancanza di poter stare in mezzo alla squadra. Il fatto che sono stato espulso dalla politica con una sentenza impossibile ha inciso su di me sul mio tempo e sulla mia capacità di positività nei confronti degli altri“.

Cessione Milan Berlusconi: “Se non si vende ripartiamo con Brocchi e i giovani”

Berlusconi spiega inoltre che gli eventuali acquirenti cinesi gli hanno offerto di rimanere alla presidenza per tre anni, “ma se queste negoziazioni non dovessero andare nella direzione che noi auspichiamo vadano, bisogna ripartire da capo“, con un Milan che chieda ai suoi tifosi di avere pazienza, ricominci per un nuovo ciclo partendo da giocatori italiani e giovani, che abbiano una grande fame di vittoria“. E in questo caso Cristian Brocchi potrebbe essere l’allenatore giusto.

Cessione Milan Berlusconi: Maldini e Van Basten sono sempre nel mio cuore

Maldini e Van Basten sono i giocatori a cui sono più affezionato – conclude Berlusconi a Radio Radio –  Per quanto riguarda i giocatori che non ho preso, non ce ne sono, perche’ tutti i giocatori che volevamo li abbiamo presi“.

  •   
  •  
  •  
  •