Finale Coppa Italia 2016: la Juve per il record, il Milan per non sprofondare

Pubblicato il autore: Francesco Pellicori Segui

finale coppa italia 2016
Finale Coppa Italia 2016. Archiviato il discorso campionato, l’ultimo atto della stagione calcistica 2015/2016, prima di immergerci nell’Europeo francese, sarà la finale Coppa Italia 2016 che si disputerà il prossimo 21 maggio allo stadio Olimpico di Roma tra il deludente Milan guidato, al momento, da Cristian Brocchi e i campioni d’Italia bianconeri agli ordini di mister Allegri. Una sfida testa coda il cui finale sembrerebbe già scritto. Uno scontro Davide contro Golia che, sulla carta, non lascerebbe spazio ad altri epiloghi.

Finale Coppa Italia 2016, qui Milano. In casa Milan si attraversa il peggiore momento della ultracentenaria storia del club. Crisi di gioco, di risultati e conseguente settimo posto in campionato sono lo specchio di questa ennesima stagione deludente. Ma, se gli anni scorsi si è speso poco e nulla, ben altro ci si aspettava in questa stagione dopo i 90 milioni di Euro spesi in estate. L’esonero di Mihajlovic non ha migliorato le cose, anzi ha palesato per l’ennesima volta i limiti strutturali di una dirigenza che ha regalato, si, grandi trofei negli anni passati ma che, nell’epoca più moderna, non ha saputo adeguarsi ai cambiamenti calcistici; addossando colpe all’allenatore di turno, senza mai fare mea culpa. La finale di Roma sarà sicuramente il match più importante della stagione perchè, con la vittoria, i rossoneri si garantirebbero il posto in Europa League (ai danni del Sassuolo) e si darebbe lustro ad una stagione che di lustro ha ben poco, per poi programmare il futuro, magari con una nuova società. L’impresa di assicurarsi il trofeo nazionale sembra ardua; non per Giacomo Bonaventura che crede nel colpaccio. “Vincere questo trofeo darebbe un senso alla stagione. La Juve é una corazzata ma non possiamo non credere di poterla battere. Può succedere che prepariamo meglio la partita rispetto a quella con la Roma, che la affrontiamo con più aggressività, che abbiamo un pizzico di fortuna in più e che loro siano appannati”. Queste sono le parole del 28 milanista.

Leggi anche:  La Juve ha messo Saul Niguez nel mirino

Finale Coppa Italia 2016, qui Torino. La Juventus, invece, si approccia alla partita nel migliore modo possibile. Quinto vessillo tricolore consecutivo sul petto e la possibilità di fare, per l’ennesima volta, la storia del calcio italiano. Di fatto, nessuna compagine ha ma vinto il “double” (Scudetto e Coppa Italia) per due stagioni consecutive. Inoltre la consapevolezza di essere ormai una compagine quotata anche a livello Europeo apre scenari interessanti per la prossima finestra di mercato e questo fa si che l’entusiasmo al seguito della squadra di Allegri giri a livelli altissimi, proprio come si evince dalle parole di Rugani e Alex Sandro. Il centrale afferma: “Sarà una partita secca e quindi la dovremo affrontare con concentrazione e determinazione. Dovremo essere tosti ma allo stesso tempo ordinati, ci servirà pazienza: la partita si deciderà probabilmente nei piccoli dettagli, quindi non dovremo aver fretta di “spaccare” la sfida”. È dello stesso avviso l’esterno brasiliano. Il terzino sinistro bianconero, ai microfoni di Sky Sport, afferma: “Abbiamo festeggiato abbastanza, adesso siamo totalmente concentrati sulla finale di Coppa Italia, siamo focalizzati e pensiamo solamente a questa partita”. A fare il pompiere ci pensa Gigi Buffon. Il capitano, dal salotto sportivo di Tiki Taka, spegne gli entusiasmi dichiarando: “Vittoria certa? Non scherziamo. In una partita secca il Milan può fare risultato contro chiunque”.

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile

Finale Coppa Italia 2016, la probabile formazione rossonera. Brocchi è chiamato all’impresa per sperare di conservare la panchina rossonera anche per la prossima stagione. Per fare ciò, l’ex centrocampista, potrebbe affidarsi al 4-4-2. I pali di Donnarumma saranno difesi da Abate, Alex, Romagnoli e De Sciglio. A centrocampo spazio a Honda, Kucka, Montolivo e, il rientrante, Bonaventura. In attacco, invece, giocheranno sicuramente Bacca con Luiz Adriano dal primo minuto. Niang, recuperato, dovrebbe partire dalla panchina per poi fare staffetta proprio con il numero 9 brasiliano.

Finale Coppa Italia 2016, la probabile formazione bianconera. Allegri risponderà con il 4-3-1-2. Lichtsteiner, Barzagli, Chiellini ed Evra difenderanno i pali di Neto. Hernanes giocherà da play basso d’avanti la difesa con Pogba e Sturaro che agiranno da mezzali. La coppia offensiva, composta da Dybala e Mandzukic, sarà supportata da Pereyra.

  •   
  •  
  •  
  •