Finale di Coppa Italia: le ultime news. Montolivo alla Rocco: “Che vinca il migliore? Sperémo de no…”

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

Udinese Milan
La finale di Coppa Italia è arrivata e in casa Juve la tensione resta a alta. In Champions i bianconeri sono la squadra che ne ha perse più di tutti, quindi occhi aperti e attenzione ai massimi livelli.
Max Allegri da Livorno è stato l’ultimo a vincere un titolo con il Milan, ma questa sera non sarà certo in vena di fare regali a un suo vecchio amante. Stasera può centrare uno storico traguardo: conquistare campionato e Coppa Italia due volte di fila davanti ai 67.123 spettatori dell’Olimpico.
«I valori si azzerano, tra l’altro affronteremo un Milan che ha l’ultima chance per giocare l’Europa League. Non esistono partite facili, non dovremo essere presuntuosi e superficiali, ma equilibrati ed ordinati. Vogliamo portarci a casa la finale di Coppa Italia».
La Juve scenderà in campo con un 3-5-2. Con Dybala e Mandzukic là davanti. e con Neto in porta. Scelte obbligate in difesa: Rugani, Barzagli e Chiellini, considerando la squalifica di Bonucci. In mezzo Pogba il punto fermo, mentre Hernanes e Lemina potrebbero giocare insieme, il primo in regina, il secondo come interno destro.
Insieme ad Allegri in conferenza stampa c’era Chiellini. «Sarà una partita difficile ed equilibrata, in una gara secca i valori si azzerano, ci teniamo tantissimo a vincere questa finale di Coppa Italia, ce la meritiamo».

Leggi anche:  Il Milan ha ufficializzato il riscatto del difensore

Passiamo al Milan. «Per vincere serviranno spirito e voglia di fare gruppo. Non capita tutti i giorni di lottare per un trofeo, le parole di Berlusconi ci hanno incoraggiato e poi l’incontro con il Papa…». Christian Brocchi ci crede, ci spera, vuole fare sua questa finale di Coppa Italia. Se il Diavolo è entrato in Vaticano, tutto può succedere davvero.
«Abbiamo una grande determinazione» assicura Brocchi. I milanisti incrociano le dita, dubbiosi, ma consapevoli che in fondo non c’è poi molto da perdere.

Capitan Riccardo Montolivo la pensa invece così: «La Juventus parte favorita, ma noi abbiamo armi che possono farle male, contiamo tanto anche sui nostri tifosi».
Che vinca il migliore? Sperémo de no…». Chiude in maniera ironica il Capitano, rievocando il Paron. Fra poco si scenderà in campo per questa ennesima battaglia tra Milan e Juve, per questa finale di Coppa Italia.

  •   
  •  
  •  
  •