Finale di Coppa Italia: Niang e Bonaventura in gruppo, titolari il 21 maggio?

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

milan
La stagione rossonera sta volgendo al termine. Un finale davvero horror, viste le evidenti difficoltà di una squadra che ormai pare davvero allo sbando: senza identità, senza cuore, senza voglia.
Il sesto posto pare ormai compromesso, la vittoria di Bologna è stata annullata dal successo esterno del Sassuolo e la qualificazione ai preliminari di Europa League si allontana.  L’ultimo vero obiettivo stagionale rimasto è la Coppa Italia, ovvero la finale del 21 maggio contro la Juve dell’ex Allegri.
In questo senso, dall’allenamento mattutino trapela un briciolo di ottimismo, un flebile raggio di sole si intravede tra le nuvole nere di Milanello. Due elementi davvero fondamentali tornano a disposizione: Niang e Bonaventura in gruppo.
Basterà questo? Difficilmente, ma almeno il Diavolo cercherà di presentarsi a Roma con la formazione tipo per inseguire un’impresa che pare davvero impossibile. Il ritorno di Niang e Bonaventura in gruppo è sicuramente una nota lieta, ma i problemi sono molti, troppi.
La differenza tra le due squadre è abissale, è vero che in una partita secca può succedere di tutto ma adesso servirebbe davvero un’impresa.
Il ritorno di Niang e Bonaventura in gruppo fa sorridere Brocchi che nell’ultima di campionato sta pensando di rilanciare entrambi i calciatori, anche se non dal primo minuto.
Jack e il francese hanno svolto gran parte del lavoro con i compagni, così come Abate, anche il terzino azzurro è pienamente reintegrato in squadra, nei prossimi giorni si cercherà di monitorare la condizione fisica di tutti e tre.
Bonaventura si è fermato per una lesione muscolare alla coscia destra dopo la partita con il Carpi del 21 aprile, match conclusosi con un deludente zero a zero interno. Mentre per Niang si è trattato di un contrattempo molto più noioso, non a caso il ragazzo non vede il terreno di gioco dal 27 febbraio: si era fatto male alla caviglia sinistra in seguito a un incidente stradale. Un problema che ha reso necessario l’intervento chirurgico.
La corsa contro il tempo per averlo a disposizione nella finale con la Juventus è già partita, poi ci sarà da valutare in che condizioni si presenterà l’attaccante dopo quasi tre mesi di stop, problema non da poco.
Niang e Bonaventura in gruppo: un piccolo sorriso per il Milan.

Leggi anche:  Bernardeschi, Ravezzani: "Una causa persa"
  •   
  •  
  •  
  •