Gaetano De Rosa “Vai Napoli, la strada è giusta”

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

Napoli
L’ex difensore Gaetano De Rosa ha parlato di alcuni aspetti legati al calcio italiano. “Fabio Cannavaro? Abbiamo fatto la trafila insieme nelle giovanili del Napoli. Ci siamo divisi verso i 19 anni, quando lui – ha spiegato De Rosa – s’è affermato al Napoli e io ho iniziato a giocare nel Palermo”.

Credeva che potesse fare l’allenatore? “Fabio nel tempo ha raggiunto traguardi pazzeschi, con risultati esemplari. È chiaro che ha grande dimestichezza a grandi livelli, nel tempo è diventato un uomo di calcio. È cresciuto fino a diventare campione del mondo e Pallone d’oro, è chiaro che il suo futuro sarà in panchina. Ha esperienza a 360°. E’ un simbolo di Napoli, e in primis un patrimonio del nostro Paese: Cannavaro deve rappresentare l’Italia nel mondo”.

Cannavaro può fare l’assistente di Ventura in Nazionale? Con gente di questo spessore, conta la capacità di confrontarsi e questo aspetto può solo far bene a qualsiasi contesto. Se questi personaggi collaborassero, sarebbe una marcia in più per l’Italia. Ora vediamo come andrà l’Europeo e poi ci lanceremo in un nuovo biennio azzurro”.

Azzurro Italia, ma anche azzurro Napoli: si aspettava che la squadra potesse lottare per lo scudetto? “Nessuno credeva a una stagione così convincente, vista la partenza in sordina con qualche handicap. Maurizio Sarri ha trovato le soluzioni per convincere tutti, l’ha fatto sul campo con umiltà e semplicità, è stato bravo a sfruttare le risorse a disposizione facendole risaltare anche a livello di singoli. Organizzazione e voglia di fare sono state le parole d’ordine di questa bella stagione e se non ci fosse stata una super Juve, chissà..”.

Napoli piazza difficile per vincere? “Lo è come tutte le realtà dove c’è la competizione e una affluenza di tanta gente. È chiaro che la pressione è notevole, ma ci sono anche fattori positivi, il San Paolo è un’arma in più per questa squadra. Questa passione porta a fare cose stupefacenti, va a stimolare risorse oscure anche a noi stessi. Bisogna gestire qualche piccolo momento negativo, che è fisiologico in una stagione, per poi ripartire. Sono davvero fiducioso per l’annata 2016-2017, il Napoli potrà fare cosa importanti: ci vuole il salto di qualità”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto
Tags: