I preconvocati dell’Inghilterra di Hodgson – tra conferme e sorprese

Pubblicato il autore: lorenzo caruso Segui

hodgson


Neanche il tempo di fischiare la fine della Premier League che Roy Hodgson, CT della nazionale di calcio inglese, dirama la lista dei ventisei preconvocati per la fase finale degli Europei. Che poi ad essere proprio precisi il campionato inglese non è realmente finito dato che c’è ancora da giocare il match tra Manchester United e Bournemouth, rimandato a causa di un pacco abbandonato sospetto all’interno dell’Old Trafford.
Tornando però alle decisioni di Hodgson, non c’è dubbio sul fatto che le scelte dell’allenatore, se da una parte confermano i grandi nomi storici dell’ultimo decennio calcistico, dall’altra, lasciano spazio a giovani promesse delle quali, fino ad un anno fa, se non meno, non sapevamo praticamente nulla.
Inseriamo dunque la lista completa dei 26 convocati per poi andarla ad analizzare nel dettaglio:

Portieri: Forster, Hart, Heaton.
Difensori: Bertrand, Cahill, Clyne, Rose, Smalling, Stones, Walker.
Centrocampisti: Alli, Barkley, Delph, Dier, Drinkwater, Henderson, Lallana, Milner, Sterling, Townsend, Wilshere.
Attaccanti: Kane, Rashford, Rooney, Sturridge, Vardy.

Leggi anche:  Sky o Rai 1? Dove vedere Turchia-Galles streaming gratis e diretta tv in chiaro, Euro 2020

Allora, è il caso di precisare subito un dettaglio, come avrete notato, i giocatori sono 26, da questi, 3 verranno scartati per lasciare posto ai 23 che effettivamente partiranno per la spedizione francese.
Partiamo dagli estremi difensori, Hart è il leader indiscusso e non c’era alcun dubbio sul fatto che il portiere dei citizens fosse di nuovo protagonista per gli Europei. Il posto di riserva spetta a Forster del Southampton, affidabile e già testato anche in nazionale. Infine, il terzo sarà Tom Heaton, portiere affidabile appena promosso in Premier League con il suo Burnley.
Per la difesa si comincia dal terzino sinistro del Southampton Ryan Bertrand che verosimilmente partirà dalla panchina, dando spazio dal primo minuto a Danny Rose del Tottenham. Sull’altra fascia Kyle Walker e Nathaniel Clyne, rispettivamente appartenenti a Tottenham e Liverpool. Al centro della difesa Gary Cahill del Chelsea, Chris Smalling dello United e John Stones dell’Everton.
A centrocampo tris di giocatori del Liverpool con Adam Lallana, James Milner e Jordan Henderson; dal City Raheem Sterling e Fabian Delph. Direttamente dagli Spurs arrivano invece 2 giovanissimi, Eric Dier, classe ’94 e Dele Alli, talento del 1996; completano il reparto Jack Wilshere dell’Arsenal, Ross Barkley dell’Everton, Andros Townsend dell’appena retrocesso Newcastle e Danny Drinkwater, uno degli uomini chiave del Laicester campione d’Inghilterra.
Infine il reparto d’attacco, sezione nella quale a dirla tutta non ci sono molte sorprese se non una, forse quasi clamorosa se si pensa ad inizio stagione. Neanche a dirlo il titolare indiscusso sarà Harry Kane, bomber del Tottenham e miglior marcatore della Premier League 2015-15 con ben 25 reti. Altro nome navigato è quello di Wayne Rooney che nonostante una stagione non del tutto esaltante con lo United, sarà di nuovo protagonista con la maglia biancorossa della nazionale; inoltre Daniel Sturridge del Liverpool, uno dei sinistri più talentuosi di tutto il panorama del calcio britannico.
E poi chi altro? Ecco qui le 2 vere grandi sorprese, la prima è Jamie Vardy che con i suoi 25 gol ha portato il Leicester dritto sul tetto d’Inghilterra, ovviamente la sorpresa sta nel fatto che fino ad un anno fa, ci avessero nominato Vardy, probabilmente difficilmente qualcuno di noi avrebbe capito di chi si stava parlando. E poi, forse la vera grande sorpresa del calcio inglese, Marcus Rashford, ragazzo prodigio nato il 31 Ottobre del 1997 e forgiato all’Old Trafford.
Insomma, 3 tra questi 26 nomi non partiranno per la Francia, non ci resta che attendere.

  •   
  •  
  •  
  •