I tre gol più belli della trentottesima giornata (edizione speciale)

Pubblicato il autore: Francesco Saverio Simonetti Segui

14 Maggio 2016, il trentaseiesimo gol in campionato di Gonzalo Higuain. Così l’argentino disegna il record di tutti i tempi della Serie A.

Questa è un’edizione speciale della rubrica dei tre gol più belli dell’ultima giornata, dedicata al calciatore che più di tutti ha fatto leggere agli amanti dello sport popolare pagine epiche. Gonzalo Gerardo Higuaín nato il 10 Dicembre 1987 a Brest, argentino.

INFERNO

É l’ultima giornata del campionato italiano di Serie A, della stagione 2015/2016 e a Napoli, il Napoli si gioca il passaggio diretto in Champions League, che significa secondo posto.

A Milano, la Roma trova subito il gol del sorpasso su Milan disperso, grazie all’egiziano Salah, e questo significa sorpasso giallorosso di Roma sugli azzurri di Napoli.

Il Napoli in superiorità numerica dopo dieci minuti, fatica a trovare il gol del vantaggio. Spazi chiusi e quando si aprono, Zappino para, Insigne colpisce la traversa, Callejon spreca, Higuaín è nervoso e non riesce a procurarsi palloni fatali.

Leggi anche:  31 anni dopo Caniggia, Miranchuk tinge l'Euro 2020 di nerazzurro (e l'Atalanta sorride per il futuro)

E così a sbloccarla ci pensa il capitano, Marek Hamsik, che sullo scadere del primo tempo, è pronto a raccogliere il rimpallo sotto porta, causato da Higuaín e il resto della difesa del Frosinone, e la gira al volo di sinistro. Napoli 1, Frosinone 0. Hamsik fa ottantuno in Serie A e raggiunge Diego Armando Maradona.

Ora è tutto in discesa, la Champions League è a un passo, e il San Paolo attende solo un uomo che ha il compito di riscrivere la storia del calcio italiano. Gonzalo Higuaín.

PURGATORIO

Il secondo tempo si apre sotto una pioggia torrenziale come se il cielo ci volesse annunciare qualcosa.

Passano poco meno di dieci minuti dall’inizio del secondo tempo, il Napoli che nel corso della stagione ci ha abituato ad aprire le difese dalla sinistra, decide di sfondare a destra, letteralmente e più precisamente con Allan. Il brasiliano, con una stagione sopra le righe soprattutto nella prima metà, fa una giocata sopra le righe. Una serpentina in mezzo a quattro difensori del Frosinone. Sinistro, destro, sinistro, palla sulla riga di fondo campo, destro forte teso all’indietro nell’area di rigore. Higuain che si muove come un dannato che non sa arrestare il proprio moto, prima scatta in avanti, quasi finisce in porta, poi rallenta e arrotonda alle spalle del difensore, la palla arriva proprio lì e lui ha solo il compito di appoggiare in porta. La difficoltà è stare sempre lì. Napoli 2, Frosinone 0. Per il Pipita ora sono 34 gol in 35 partite.

Leggi anche:  Una grande Italia si qualifica agli ottavi di finale

Ora l’argentino freme ed è semplicemente una parte di turbine nella tempesta.

Trascorrono esattamente dieci minuti e gli azzurri riescono a trovare il varco giusto sulla destra con l’albanese Hysaj. Il terzino, classe ’94 e destinato a falciare la fascia per molti anni, crossa ad aggirare la difesa. Questi palloni per gli avversari sono semplicemente imprendibili. E infatti nessun ciociaro riesce ad intervenire. L’argentino taglia alle spalle dei difensori ed anticipa l’uscita in volo di Zappino, allungando la palla che viaggia a mezz’altezza con il piatto sul palo più lontano. Il Pipita parte in fuorigioco, l’arbitro e gli assistenti forse se ne accorgono pure, ma il corso degli eventi è implacabile e nessuno può osare frenarlo. 35 gol in 35 partite.

PARADISO

Al settantunesimo minuto l’argentino si innalza prima a livello di artigiano stoppando col petto un pallone fin troppo forte del belga Mertens, e poi ascrive il suo nome nel ristretto gruppo degli artisti del cuoio, decidendo di rovesciare fisicamente una storia ferma da sessantasei anni. Il pallone, inesorabile, si infila sotto la traversa. Napoli 4, Frosinone 0.

Leggi anche:  Fiorentina, Gattuso se ne va. E' una sconfitta di tutti

Gunnar Nordahl, il bomber svedese del Milan degli anni Cinquanta, nella stessa partita viene avvicinato, raggiunto e superato. Per Gonzalo Higuain sono 36 gol in 35 partite. E li realizza andando a segno in venticinque partite (altro record) con nove doppiette e una tripletta nel giorno in cui la Fortuna gli aveva chiesto minimo tre gol.

NESSUNO COME

Gonzalo Gerardo Higuaín

Nato il 10 Dicembre 1987 a Brest, argentino.

 

  •   
  •  
  •  
  •