Il Granada passa in mano ai cinesi. I Pozzo salutano la Liga

Pubblicato il autore: andrea celesti Segui

pozzoDopo sette anni e due promozioni, i Pozzo lasciano il Granada. A rivelarlo per primo Ideal. es in Spagna, che ha parlato di un accordo con il colosso di marketing Desports sulla base di 37 milioni di euro, una cifra che comprende i diritti della Liga e un pacchetto di calciatori. Ad influire nella scelta ci sarebbero state le continue divergenze del patron con la dirigenza spagnola.
Tutto è iniziato lo scorso marzo, quando il figlio del presidente aveva stretto la mano con i vertici del colosso asiatico. Poi sabato a Londra è arrivata la firma, che ha ufficializzato l’affare. A fare da intermediario c’era la Media Base Sport(Mbs) di Pere Guardiola(fratello di Pep), società che gestisce tanti calciatori importanti tra cui Andres Iniesta, Luis Suarez, Thiago Alcantara, Pedro Obiang. Secondo i media spagnoli però, l’uscita dei cartellini gestiti dai Pozzo sarà graduale, considerando che il club spagnolo ha anche una squadra B.  “Non possiamo più soffrire cosi. Il Granada deve diventare come il Siviglia e noi non ce la facciamo“, aveva dichiarato alla Gazzetta Gianpaolo Pozzo, esasperato dalla situazione che stava vivendo la squadra. Per il Granada è stata un’annata molto difficile, conclusa al 16° posto in classifica e  una salvezza raggiunta solo alla penultima giornata.

Leggi anche:  Sky o Eleven Sports? Dove vedere Argentina-Paraguay in tv e in streaming, Copa America 3^ giornata

Sette anni fa l’acquisto della squadra andalusa
Nel 2009, la famiglia Pozzo acquista il Granada, salvando la società sull’orlo del fallimento. Nel giro di due anni il club riesce nel doppio salto consecutivo dalla Segunda Division B alla Liga, dopo trentacinque anni dall’ultima apparizione. Decisiva la vittoria del 18 giungo 2011 nella finale playoff  contro l’Elche (0-0 in caso e 1-1 ad Alicante). Negli anni successivi, seguiranno 5 salvezze molto sofferte, con il 15° posto come miglior piazzamento. Ad aprile la finanza perquisisce gli uffici dei Pozzo a Barcellona, accusando la famiglia di non aver dichiarato 12 milioni di euro al fisco, derivati da commissioni legate ai trasferimenti di alcuni calciatori e ingressi coperti con false fatture.
Nelle ultime stagioni, la squadra andalusa ha avuto in rosa molti calciatori sudamericani(come Maurillo ora in forza all’Inter), che venivano messi alla prova nel club per poi essere ceduti o spostati in altre società. Con la vendita del Granada, resta da capire quale sarà il futuro di alcuni calciatori che nell’ultima stagione hanno giocato al Watford e all’Udinese, le altre due società della famiglia Pozzo. Proprio i friulani  potrebbero prelevare dal Granada, dal quale hanno in prestito Molla Wague. Tra i “papabili” ci sono Samir, brasiliano girato in prestito al Verona a gennaio a causa del tetto extracomunitari, Dimitri Foulquier, esterno francese campione del mondo under 20 nel 2013, e la punta centrale Youssef El-Arabi. Anche altri giovani come Dimitriewski, Jaadi e Bochniewicz, che hanno giocato l’ultima stagione al Granada B, con ogni probabilità torneranno all’Udinese. Continua dunque la rivoluzione di Gianpaolo Pozzo, che dopo aver portato sulla panchina dei friulani Giuseppe Iachini e Walter Mazzarri su quella del Watford, compie un’altra scelta molto importante. Prima dell’ufficialità però, occorrerà che i cinesi paghino la rata entro 15 giorni, dopodiché il club sarà a tutti gli effetti nelle mani del gruppo Desports.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: