Intervista ad Abbiati: “Questa rosa non era da 7°posto. Ho deciso di smettere dopo…”

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui

c9224330bdff9f6fdbf8ad6b33e8a838-k2p-U1080276605193ZkC-1024x576@LaStampa.it
Quella che si è appena conclusa è stata l’ultima stagione da calciatore di Christian Abbiati, il quale ha deciso di lasciare il calcio giocato dopo aver vinto tanto con la maglia del Milan. Purtroppo, questa annata non è andata affatto bene, nonostante secondo l’ormai ex portiere milanista la squadra non fosse così scarsa: “Mi piacerebbe si ripartisse dalla Juve. Questa rosa non era da 7° posto. Con il giusto atteggiamento si potrebbe tornare a puntare la Champions già il prossimo anno”.

Fra i motivi che lo hanno portato a smettere c’è anche il fatto che il Milan non sia più quello di qualche tempo fa: “Se chiudo gli occhi e ripenso al Milan fino al 2011, vedo un’altra squadra, sotto tutti i profili. Io ragiono secondo certi valori che mi hanno trasmesso Albertini, Costacurta e Maldini. In carriera sono stato multato solo una volta, per un ritardo. Mi ero addormentato. Non sto dicendo che a quell’epoca vivessimo in clausura, ma quando ci allenavamo andavamo a mille all’ora. Se si perde male, a me non viene nemmeno in mente di farmi vedere all’Hollywood. Ormai ero arrivato a un punto in cui il lunedì mattina avevo ansia quando uscivo di casa. Per come andava la squadra mi vergognavo a uscire, anche se la mia coscienza era pulita”.

Brocchi dice che alcuni giocatori hanno avuto un atteggiamento sbagliato: “Ha ragione. Ci sono stati 4-5 elementi che non hanno fatto quanto gli veniva chiesto. E non parlo di errori tecnici. Il fatto è che se ce n’è solo uno lo controlli e lo isoli, ma cinque sono tanti ed è tutto molto più complicato”.

Abbiati ha poi raccontato quando ha deciso di lasciare il calcio: “Quando ho pensato di smettere? Dopo il mio sfogo col Chievo, a metà marzo. La decisione definitiva è arrivata dopo il Bologna: avevo fatto il pieno. Vi faccio un esempio emblematico: quando Bacca fu sostituito col Carpi e lasciò il campo senza aspettare la fine e senza salutare chi entrava, nello spogliatoio lo ribaltai. Ebbene, mi sono girato e non c’è stato nessuno che mi abbia supportato. Evidentemente certe cose o non si hanno dentro, o proprio non interessano. Ai miei tempi Gattuso avrebbe tirato fuori il coltello”.

Sul fatto di non aver giocato contro la Roma?: “Nessun problema. In realtà avevo già staccato la spina ed era giusto che con Brocchi, che è il mio migliore amico, fossi schietto. Ma la mia decisione è dipesa anche dalle prospettive per il prossimo anno: arrivavo dall’attico, sono sceso al pianterreno e rischiavo di finire nel sottoscala. Una questione mia di dignità e orgoglio”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: