Juventus-Milan 1-0: Highlights e video gol finale Coppa Italia 2016

Pubblicato il autore: Cosimo Lanzo Segui

Morata coppa italia 2016
Juventus-Milan 1-0, gli highlights della finale di Coppa Italia 2016.

La Juventus vince la seconda Coppa Italia consecutiva grazie a un gol di Alvaro Morata. Lo spagnolo è entrato nel secondo tempo supplementare e al primo tiro ha sbloccato il match. Per la truppa di Allegri è il secondo doblete consecutivo, nonché l’11esima Coppa Italia della storia del club bianconero. Grande delusione per il Milan, che per il quarto anno consecutivo rimane fuori dall’Europa e lascia il posto al Sassuolo (ai preliminari), sesto in classifica e per la prima volta nella sua storia in Europa League. La Fiorentina ringrazie e accede direttamente alla fase a gruppi. Berlusconi com’è probabile che accada a fine giugno lascerà il Milan nelle mani cinesi senza il suo 30esimo trofeo in 30 anni di presidenza. Morata invece lascia la Juve (Arsenal e Psg in pole) con un altro gol decisivo.

JUVE SORPRESA DAL MILAN. Mister Brocchi senza Antonelli e Abate infortunati sceglie Donnarumma tra i pali, una difesa composta dal giovane Calabria, Zapata, Romagnoli e De Sciglio; a centrocampo Poli, Montolivo e Kucka; davanti Honda, Bacca e Bonaventura (qui Milan-Juventus: le parole di Bacca, Chiellini e Montolivo). Massimiliano Allegri senza Bonucci squalificato, Marchisio e Khedira infortunati, sceglie Neto al posto di Buffon come avvenuto per tutta la Coppa; Rugani, Barzagli e Chiellini in retroguardia; Lichtsteiner, Lemina, Hernanes, Pogba ed Evra in mezzo; Dybala e Mandzukic in attacco. Comincia meglio il Milan, che ci mette rabbia agonistica e grande furore. Juve un po’ sorpresa fa fatica a controbattere. All’8′ il primo episodio è un rigore chiesto da Paul Pogba, per un presunto fallo subito da Calabria. Al 13′ si fa vedere Bonaventura, con un tiro da fuori che finisce non troppo alto dall’incrocio dei pali.

Al 23′ la stessa azione la compie De Sciglio, stavolta la palla finisce ancora più vicino alla porta bianconera. Un minuto dopo e il Milan va vicino al vantaggio. Bonaventura in area prova a sorprendere Neto sul primo palo e l’estremo difensore si salva con grande istinto. La Juve fa fatica a costruire gioco anche per il pressing rossonero sui portatori di palla bianconeri. Al 39′ Poli su bell’assist di Honda in area spedisce la palla sul fondo. JUVE REAGISCE, ROSSONERI SOFFRONO. Nella ripresa i due allenatori non cambiano nulla. De Sciglio dopo soli tre minuti tenta con un tiro da 28 metri che Neto trattiene senza problemi. La squadra bianconera è scesa in campo con un altro piglio. Al 17′ ottimo contropiede di Calabaria, che lancia Kucka in profondità: Hernanes in ripiegamento intercetta il passaggio dello slovacco per Bacca, solitario in area. Al 23′ il neo entrato Alex Sandro serve Pogba in area: tiro deviato del francese, Donnarumma salva sul primo palo e Montolivo si rifugia in corner.

Quattro minuti dopo Pogba scodella un cross in area per Lichsteiner ma Donnarumma para. La Juve in questa fase centrale del secondo tempo aumenta il ritmo, il Milan sembra pagare lo sforzo e concede più spazi abbassando il baricentro. L’ultimo quarto d’ora della finale è molto combattutta a centrocampo, con poche opportunità per sbloccarla. Nemmeno i nuovi entrati Alex Sandro (Evra), Cuadrado (Lichsteiner) e Niang (Poli) sono riusciti a dare la scossa. Il migliore dei tre finora è il brasiliano, entrato bene in partita. Così dopo il forcing finale Milan-Juventus finisce ai tempi supplementari.

SUPPLEMENTARI, CI PENSA MORATA. Nel primo tempo sono due le occasioni, una per parte. La prima è per Pogba, che ci prova dal limite ma Donnarumma respinge; la seconda è per Bacca, che sfrutta una respinta corta in area e di rovesciata sfiora la traversa. Dopo due minuti del secondo tempo supplementare Allegri fa entrare Morata al posto di Hernanes, mentre Brocchi inserisce Mauri al posto di Montolivo. A due minuti dall’entrata in campo Alvaro Morata riesce a sbloccare il risultato con un tiro di controbalzo su contropiede innescato da un erorre di Calabria. Brocchi prova la mossa della disperazione inserendo Balotelli per Kucka. Al penultimo minuti di recupero Mauri sfiora il pari con un tiro da limite che lambisce il palo.

  •   
  •  
  •  
  •