Lazio, altro reparto altra rifondazione: il centrocampo

Pubblicato il autore: Marco Tarantino Segui
Biglia Lazio

Biglia Lazio

La Lazio non dovrà ristrutturare soltanto il reparto arretrato, anzi proprio rifondare da capo, il mercato del presidente Claudio Lotito e dei suoi uomini mercato dovrà lavorare duramente anche in entrata ed in uscita per quanto riguarda il reparto nevralgico del campo, ovvero il centrocampo.

La delusione maggiore è stata sicuramente la difesa, ma anche a centrocampo si sono visti cali fisici e di prestazioni davvero enormi complici sicuramente le tre competizioni nelle quali i giocatori hanno preso parte, ma anche il crollo della colonna portante, quella composta da Biglia e Parolo non all’altezza per via degli infortuni delle loro prestazioni nella stagione precedente.

In primis il giocatore da non vendere ma da cui ripartire sarebbe Lucas Biglia, il capitano della squadra, ed un autentico perno del centrocampo biancoceleste e dell’albiceleste. Sembra però alquanto difficile trattenerlo a Roma senza l’Europa, e nelle due ultime giornate servirà una impresa per centrare il sesto posto, sperando poi che il Milan non vinca la coppa  Italia contro la Juventus. La sua valutazione è di 30 milioni di euro, ma non mancheranno in estate pretendenti dall’Inter di Mancini, alle big straniere a cominciare dall’Atletico Madrid di Simeone stregato dal suo connazionale.

Leggi anche:  Calcio femminile a Tokyo 2020: chi saranno le campionesse olimpiche?

Anche Marco Parolo potrebbe salutare la capitale, anche se la sua conferma appare meno difficile di quella del compagno di reparto: sul mediano della nazionale di Conte ci sarebbero timidi interessamenti di squadre come la Fiorentina che però non sarebbero disposte a pagare i 15 milioni richiesti dal presidente Lotito per il suo centrocampista.

Altro centrocampista titolare la stagione scorsa ed altro giocatore con la valigia in mano: si tratta di Senad Lulic, jolly bosniaco, importantissimo per Pioli nella passata stagione, ma che non si è dimostrato all’altezza della stagione precedente in quella in corso. Il mercato estero sembra essere quello giusto per piazzarlo, visto che ha una buona reputazione in Bundesliga, dove i soldi da investire su giocatori di certo non mancano.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: van de Beek arriva ad una sola condizione, Inzaghi incontra un suo pupillo...

Sicuro della conferma è Sergej Milinkovic-Savic, poco utilizzato da Inzaghi ma autentico jolly di centrocampo in grado di fare la differenza in fase offensiva viste le sue doti di testa, tecniche e fisiche e soprattutto per la sua giovane età: a lui saranno date le chiavi del centrocampo del prossimo allenatore laziale, visto che Simone Inzaghi non sembra vederlo come titolare indiscusso.
Anche Edy Onazi potrebbe restare a Formello nonostante abbia mercato e nonostante non abbia trovato grandi spazi per grande parte della stagione: con l’arrivo di Inzaghi è diventato un perno del centrocampo per la sua corsa e la sua velocità. Sarà probabilmente riconfermato con Inzaghi altrimenti bisognerà capire cosa potrebbe farci il prossimo allenatore.

Cataldi, il golden boy del popolo laziale, avrà sicuramente maggior spazio in caso di partenza di uno dei titolarissimi: su di lui la Lazio conta sempre per il futuro e non verrà ceduto se non in caso di offerta monster che al momento appare tutt’altro che ipotizzabile, visto anche la stagione negativa che sta concludendo il laziale.
Insomma poche certezze e tante nubi per un mercato estivo che ci dirà se la Lazio potrà finalmente fare il passo in avanti decisivo per insidiare le big del campionato.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: