Massimo Ferrero: “Sono sicuro che il prossimo anno faremo meglio”

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

massimo-ferrero-sampdoria_18jydnlo5jwbw1osibpy3mambv
Aspettando quello che sarà probabilmente l’incontro decisivo fra Massimo Ferrero e Vincenzo Montella, che dovrebbe svolgersi in settimana, sancendo o meno la continuazione del rapporto fra le due parti, nella giornata di ieri, il presidente blucerchiato è stato intercettato fuori dal ristorante San Giorgio, dove ha rilasciato una breve dichairazione: “Abbiamo mangiato bene e abbiamo iniziato a capire quale sarà il nostro futuro. Quale sarà? Vedremo. Montella in Nazionale? Ognuno deve andare dove lo porta il cuore. Io però resto sicuro e l’anno prossimo faremo molto meglio. Quest’anno siamo andati alla Madonna della Guardia e lei ci ha salvato. Anzi sapete cosa vi dico? Che se Montella va via, alleno io e faccio come Mourinho“.

Va detto che, al contrario del presidente Ferrero, buona parte della tifoseria è molto preoccupata per l’avvenire della società doriana. La stessa annata, appena conclusasi, poteva avere un epilogo certamente più tragico, sportivamente parlando. Questo perchè, a conti fatti, se Viviano non avesse parato i due rigori, contro Sassuolo e Lazio, probabilmente al posto del Carpi, in Serie B, ci sarebbe potuta scendere proprio la Sampdoria. Evitato ciò, è necessario quanto prima decidere quello che sarà il futuro assetto societario, ed in particolar modo se ne faranno ancora parte l’attuale direttore sportivo Carlo Osti ed il mister Vincenzo Montella. Anche perchè, viste le diverse partenze, in chiave mercato, da Bogliasco, mai come in questa caso sarà necessaria una profonda sinergia fra Società e allenatore, per allestire una rosa, che possa garantire non solo un campionato un pò meno avaro di soddisfazioni ma, soprattutto, una stagione che possa definirsi “degna” per una tifoseria come quella doriana. Se non si trovasse un accordo con il mister campano, che ha un pò deluso le aspettative, visto i 24 punti ottenuti in 26 partite, bisognerà trovare un valido sostituto. I nomi che girano come possibili alternative, soprattutto negli ultimi giorni, sono quelli di Giuseppe Iachini; già conosciuto e amato dalla piazza, Rolando Maran; che ha guidato i clivensi ad una salvezza più che tranquilla; Marco Giampaolo, rilanciatosi in quel di Empoli, soprattutto con uno straordinario girone d’andata, ed infine Sinisa Mihajlovic, nome che più che altro pare essere una semplice suggestione, senza un possibile seguito. Come accade spesso, in questi casi, alla fine la potrebbe spuntare un nome che, fin’ora, non ha trovato spazio nei taccuini giornalistici.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  L'Atalanta blinda il suo Pessina (e allontana le big) fino al 2025: progetto nerazzurro a lungo termine