Il Milan spera in un passo falso del Sassuolo per raggiungere l’Europa. Ma prima c’è la Roma

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

brocchiUltima giornata di campionato, ultime volate, il Milan spera nella sconfitta del Sassuolo per entrare in Europa; prima, però deve battere la Roma.

La Serie A volge al termine e con essa giungono ad una conclusione anche gli ultimi verdetti con la lotta per il secondo posto che vede protagonisti Napoli e Roma, quella per l’ultimo posto utile alla salvezza che riguarda da vicino il Palermo e il Carpi e per finire la volata per accedere ai preliminari di Europa League con il Sassuolo allenato da Eusebio Di Francesco che vorrebbe tenersi stretta la sesta piazza ai danni del Milan allenato da Christina Brocchi.
Soffermiamoci, però, proprio su quest’ultima sfida a distanza, perché i rossoneri dopo aver tenuto il sesto posto per gran parte della stagione, accarezzando nel mese di Marzo anche il raggiungimento di un’utopistico terzo posto, negli ultimi due mesi hanno avuto un crollo verticale che gli ha fatto perdere i 7 punti di vantaggio che aveva sulla squadra emiliana.
La squadra rossonera, infatti, già nell’ultimo periodo della gestione Mihajlovic si era smarrita, tuttavia la scelta del Presidente Berlusconi di provare a dare una scossa all’intero ambiente, cambiando la conduzione tecnica, non si è dimostrata vincente e il risultato è stato quasi catastrofico poiché i rossoneri nelle ultime 5 partite hanno ottenuto solo 8 punti sui 15 a disposizione, frutto di due vittorie, contro Sampdoria e Bologna, due pareggi per mano del Carpi e del Frosinone e una bruciante sconfitta contro l’Hellas Verona.
Come si può notare soli due punti sono venuti contro le ultime tre della classe, ma cosa ancor più grave è la continua inesistenza del bel giuoco tanto acclamato dal Presidente e la poca grinta mostrata dagli undici in campo che non fanno ben sperare per questo rush finale poiché il Milan dovrebbe vincere contro la Roma ma, soprattutto sperare in un passo falso del Sassuolo contro i cugini dell’Inter.

Dunque il Milan spera in uno stop della squadra allenata da Di Francesco sempre a patto che batta la brillante Roma di Spalletti ancora in lotta per il raggiungimento del secondo posto che, però, vede il Napoli in chiaro vantaggio.
Insomma, è proprio il caso di dirlo: ‘Povero Diavolo’, ridursi a sperare nella sconfitta di una rivale per poter raggiungere uno degli obiettivi prefissati ad inizio stagione e tra l’altro alla portata, sempre a patto di riuscire ad ottenere i 3 punti. A pensare che fino a qualche anno fa erano le avversarie del Milan a sperare in un passo falso della compagine rossonera per poter raggiungere un obiettivo; sembrano trascorsi secoli da quel Milan vincente, e invece sono bastate scelte sciagurate e scompigli interni per rompere quell’equilibrio vincente negli ultimi 30 anni.
A dire il vero, però, per poter raggiungere l’Europa League il Milan ha due match point, il primo è tra qualche giorno e vede intrecciarsi le sorti di Roma e Sassuolo mentre il secondo, sempre complesso, ma che potrebbe assumere contorni ben più dolci, riguarda la Finale di Coppa Italia che si terrà la settimana prossima e che vedrà di fronte i rossoneri contro la Juventus.
Qualora la squadra di Brocchi dovesse fallire l’obiettivo a termine dell’ultima giornata di campionato si giocherebbe il tutto per tutto contro la squadra dell’ex Allegri e in caso di vittoria non solo raggiungerebbe l’Europa dalla porta principale ma metterebbe in bacheca un trofeo in più e potrebbe salvare, in parte, l’ennesima stagione fallimentare degli ultimi tre anni, cosa non da poco.
180 minuti, o poco più, per poter tornare in Europa; il Milan spera e a sperare sono soprattutto i tifosi che vorrebbero rivedere i propri colori nel calcio che conta, in quel calcio che per anni ha visto dominare proprio la Milano rossonera.

  •   
  •  
  •  
  •