Nazionale, martedì 7 giugno l’annuncio del nuovo tecnico

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Fotoagenzia Bruno Peruzzini 19 Giornata Campionato Italiano di Calcio serie A 2015-2016 Torino-Empoli .Torino 10-01-2016.Nella Foto:ventura si arabbia

Michele Uva, direttore generale della FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio), a margine della presentazione della Panda Azzurra a Coverciano, ha annunciato: “Prima dell’Europeo annunceremo il nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana”. La data ufficiale è martedì 7 giugno prossimo, la riunione del Consiglio federale e il relativo e conseguente annuncio del successore di Antonio Conte. Il nome è sempre quello, Giampiero Ventura, salvo qualche davvero improbabile virata, ricordiamo l’inserimento prepotente di Vincenzo Montella nella trattativa. Uva ha aggiunto: “Il presidente Tavecchio due giorni fa è stato chiaro, il 7 giugno si riunirà il consiglio federale e prima della partenza per la Francia sarà tutto deciso”. Il Direttore Generale della FIGC ha poi aggiunto quelle che secondo lui sono le caratteristiche che dovrà avere il successore di Antonio Conte: “Dovrà essere una persona e un allenatore di qualità e competenza e capace di integrarsi nel nuovo progetto della FIGC”. Un ultimo intervento poi riguarda l’aria che si respira all’interno della federazione nazionale: “Fa piacere che il presidente abbia detto di voler coinvolgere nella questione anche i consiglieri compreso il sottoscritto, ma ribadisco che la nomina del nuovo commissario tecnico è una decisione che Tavecchio prenderà in assoluta autonomia. E’ ridicolo parlare di interferenze esterne, la FIGC agisce sempre in completa autonomia, al 100%, più del 100%”.

Michele Uva non contento, è intervenuto anche sull’indagine relativa agli intrecci tra la malavita e il calcio e, quindi, alle presunte partite combinate: “Massima amarezza. D’altra parte siamo un sistema industriale da 13 miliardi di euro, quindi esposto alla malavita. Però nessuno abbassa la guardia”. Uva torna di nuovo a parlare di Antonio Conte e delle scelte fatte dalla federazione negli ultimi due anni: “Con lui l’immagine della Nazionale è cresciuta. Qualcuno dice che abbiamo distrutto il Club Italia: invece la nuova FIGC ha consolidato la Nazionale con grandi investimenti. Avremo un’area medico scientifica e lo scouting, e sono già nati Centri federali territoriali”. Insomma, attorno la Nazionale e soprattutto attorno al FIGC si lavora tanto e si critica tanto, l’obiettivo resta quello di colmare il gap con le altre nazionali e riportare il brand Italia in cima alle classiche internazionali.

  •   
  •  
  •  
  •