Playoff Serie B, Novara Pescara 0-2: interviste

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui
LIVE Novara-Pescara

LIVE Novara-Pescara

NOVARA – Al Piola di Novara, la seconda semifinale del playoff di Serie B tra Novara Pescara è stata vinta dagli abruzzesi con il risultato di 0-2, grazie alle reti di Lapadula al 21′ (cross di Verre, l’attaccante si smarca da Mantovani e batte Da Costa) e Torreira al 77′ su contropiede. Con questa vittoria il Pescara ha ipotecato di fatto il passaggio del turno alla finale che vale la promozione in Serie A. Il ritorno è previsto mercoledì 1 giugno.

Novara Pescara 0-2, interviste

MARCO BARONI, TECNICO NOVARA: “ANDREMO A PESCARA CREDENDOCI ANCORA” – Il tecnico dei piemontesi commenta così la prestazione della sua squadra a Sky: “Ci sono ancora novanta minuti, ma credo che l’applauso dei tifosi è perchè anche oggi la squadra ha dato tutto. Sono gare che chi sbaglia meno, vince. Abbiamo commesso qualche errore e abbiamo pagato al di là delle occasioni che abbiamo avuto durante la partita. Accettiamo questo risultato, la gara di ritorno è difficile, ma vogliamo andare a Pescara con orgoglio credendoci ancora. Pescara superiore? Sul palleggio e nel fraseggio negli ultimi 25 metri loro sono bravi, molto veloci nell’andare in verticale. Noi però avevamo contenuto bene, ma subire quel gol ci ha portato a concedere qualche spazio in più. Magari ci voleva un gol per riaprire la partita. In questo momento, accettiamo il verdetto. La cosa più importante ora è recuperare energie e portare orgoglio a Pescara”.

MASSIMO ODDO, ALLENATORE PESCARA: “CONTENTI DEL RISULTATO, MA C’E’ ANCORA IL RITORNO” – Ecco come il tecnico degli abruzzesi analizza la partita della sua squadra: “E’ un discreto risultato. Ci dovremo suicidare ma la palla è rotonda e dobbiamo rimanere con i piedi saldi per terra. Siamo contenti del risultato, è un grandissimo vantaggio ma c’è la partita di ritorno. Oggi siamo cresciuti dal punto di vista della gestione del match. Noi all’inizio facevamo fatica. Non potevamo pressare novanta minuti, ci sono momenti in cui devi soffrire e questo è segno che siamo maturati. Futuro? Io spero di fare l’allenatore in Serie A con il Pescara. A questo punto mi gioco le carte con la squadra, lo staff. E’ la squadra della mia città e vorrei allenare la squadra in Serie A. Per il momento il mio sogno è questo”.

Leggi anche:  Diletta Leotta, addio a DAZN: al suo posto arriva una giornalista di Mediaset
  •   
  •  
  •  
  •