Sabatini “Facciamo sei punti e poi si vedrà”

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

walter-sabatini
Riprendiamo le parole di Walter Sabatini, ds della Roma, che ha concesso un’intervista all’emittente ufficiale giallorossa.

La partita e i gol con il Genoa sono stati esteticamente appaganti?
“L’estetica nel calcio parla con un concetto filosofico altolocato, realizzabile non so in quale latitudini, ma in realtà l’estetica nel calcio viene spesso premiata o messa in campo anche dai nostri giocatori. Abbiamo avuto situazioni che hanno riguardato due giocatori diversi in due partite diverse. Prima Perotti che ha accarezzato il pallone per dare la sfera a Salah che fa gol e poi lo stesso Salah che ha fatto il medesimo gesto con Nainngolan. La Roma sta facendo cose gradevolissime che appagano l’estetica del calcio. I giovani possono emulare i nostri ragazzi”

Da Udine a Genova grazie a chi è entrato dalla panchina la Roma ha ottenuto 15 punti…
“Tanta soddisfazione. Soffro per chi sta in panchina ma poi sono contento se un giocatore entra e mette a posto le cose, è successo a Totti a Dzeko recentemente. E’ evidente che l’organico è competitivo anche dal punto di vista numerico.”

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Grande rimonta nel girone di ritorno. Si aspettava questi risultati?
“Sapevo che la squadra ha qualità. I primi dieci giorni di Spalletti hanno acceso nuove speranze, vedevo nuova voglia negli occhi dei ragazzi. Con questo non voglio accusare Garcia, il suo ciclo era finito ma la colpa non era sua, era di tutti, anche della società che non ha saputo infondere i giusti stimoli alla rosa”

Come ha visto Strootman?
“Una sorta di frustrazione l’ho provata nel rivederlo sul terreno di gioco, perchè sapere di averlo perso per un anno e mezzo mi fa male e ha fatto male alla Roma. Ora andrà avanti per dieci anni senza intoppi e darà una svolta alla squadra. Conto tanto su Kevin, continueremo assieme, la strada è quella giusta”

Leggi anche:  Chi viene e chi va: il punto sul mercato del calcio femminile

Quanto crede al secondo posto?
“Noi dobbiamo fare attenzione al Chievo, squadra ostica che ha dimostrato tanto nel corso dell’anno. Il calcio è sano e queste partite saranno giocate con il massimo impegno da parte di tutti. Sono certo di questo, pensiamo a fare sei punti e poi si vedrà.”

  •   
  •  
  •  
  •