Sampdoria Genoa, Montella punge il Grifone

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

vincenzo montella
Genova si prepara al derby. Sampdoria Genoa, cresce l’attesa tra i tifosi, ma anche tra i componenti delle due squadre. Il Grifone vuole tornare a vincere un derby dopo quattro turni di assenza, la Sampdoria cercherà l’aggancio ai cugini. Ma non sarà facile per la squadra di Montella vincere contro questo Genoa sicuramente più in salute e più completo rispetto all’andata. Il Genoa però al tempo stesso non deve distrarsi e puntare al massimo risultato per finire davanti per il secondo anno comsecutivo. Sampdoria Genoa, un derby che si giocherà alla penultima giornata proprio come accadde cinque anni fa vinto grazie al famoso gol di Boselli che condannò i blucerchiati alla retrocessione. Alla Sampdoria questa volta serve un punto e Montella in conferenza stampa ha parlato della stracittadina:”Sara’ una gara importante, per noi ancora di più per quanto riguarda la classifica. Va preparato come una finale, come una partita secca. I giocatori del Genoa sono aggressivi, fisicamente strutturati e abili a ribaltare il gioco, noi dovremo contrastarli facendo emergere le nostre qualità.” In vista di Sampdoria Genoa il tecnico blucerchiati ha poi punzecchiato il Grifone:”La Samp negli anni ha sempre cercato il bel gioco, di divertirsi giocando, e i calciatori sono stati sempre scelti secondo questi criteri. Il Genoa è una squadra costruita con un’identità, molto aggressiva, una caratteristica che è stata portata avnti negli ultimi 50 anni. Lo stile della Samp, che è leggermente diverso da quello del Genoa, credo abbia portato risultati migliori”. Montella si è poi così espresso su molti addetti ai lavori che vedono il Grifone con maggiori chance di vittoria:”Genoa favorito? Hanno 3 punti in più, quindi forse è così, ma lascio tranquillamente a loro il favore del pronostico. Noi dobbiamo vincere innanzitutto per la classifica, e questo gruppo ha dimostrato che quando c’era un pizzico di paura ha dato qualcosa in più.”

  •   
  •  
  •  
  •