Sarri e De Laurentiis, nessun tormentone. Contratto rinnovato

Pubblicato il autore: Nello Simonetti Segui

Si scrive un nuovo capitolo dell'infinita lotta De Laurentiis vs Uefa. Il patron del Napoli chiede spiegazioni sul ranking e invoca un campionato europeoTanto, forse troppo si è scritto negli ultimi giorni sul rapporto tra Sarri e De Laurentiis, circa la permanenza del tecnico all’ombra del Vesuvio. Della formula quanto meno curiosa del contratto, zeppo di clausole a favore della società, si sa già tutto, molto si è ricamato sulle modalità scelte da Sarri e De Laurentiis per proseguire il rapporto. Addirittura si è scritto di un rinnovo da parte del presidente ad insaputa del tecnico, che avrebbe rischiato di far saltare tutto, ma la realtà sta venendo fuori e non è esattamente quella che è stata raccontata nelle ultime ore. Sarri e De Laurentiis si sono visti oggi a Roma, negli studi della Filmauro per sancire definitivamente un legame mai stato in discussione. La possibilità di quest’ultimo di far scattare il rinnovo automatico grazie alla clausola in suo favore presente nel contratto non voleva certo dire che tra i due non ci fosse totale sintonia in vista della prossima stagione, quella del ritorno in Champions League dopo due anni. Ed infatti, la fumata bianca è appena arrivata. Sarri e De Laurentiis continueranno nel loro percorso alla guida del Napoli, a dispetto delle voci che parlavano di reazioni negative da parte del tecnico in seguito alla decisione del presidente di esercitare una legittima opzione da entrambi liberamente sottoscritta al momento della stipula del contratto. Del resto, sarebbe bastato dare il giusto peso alle parole di Sarri e De Laurentiis al termine della gara col Frosinone, nell’ultima giornata di campionato, quando il secondo posto è stato definitivamente blindato dagli azzurri, per rendersi conto che non potevano essere dubbi sulla permanenza in panchina dell’allenatore toscano. Sarri e De Laurentiis felici e contenti insieme? Al momento si, il numero uno partenopeo ha riconosciuto all’artefice di questa straordinaria stagione il giusto premio, gratificandolo, anche economicamente (“mi ha trattato come un figlio” le prime parole del tecnico a Radio Kiss Kiss) per il gran lavoro svolto dopo i disastri dello scorso campionato. Ora, per rendere ancora più solido il legame, è necessario un mercato all’altezza delle aspettative. Della piazza, ma anche dello stesso allenatore. Sarri e De Laurentiis dovranno agire in piena sintonia anche nella scelta degli elementi giusti per rinforzare una rosa valida, ma scarna, soprattutto in prospettiva doppio impegno. La Champions toglierà energie fisiche, nervose e mentali, occorrerà un organico sufficientemente ampio per evitare contraccolpi. Da questo presupposto, Sarri e De Laurentiis, con la fattiva partecipazione del diesse Cristiano Giuntoli, lavoreranno sul mercato. Il primo colpo, Lorenzo Tonelli, è già arrivato, si lavora per chiuderne almeno altri due in tempi brevi. Vrsaljko, Lapadula e Klaassen i nomi più caldi del momento. Giuntoli proverà a chiudere qualche altra operazione, ma la notizia più importante riguarda Sarri e De Laurentiis. Il rinnovo è il punto di partenza più importante. Il mercato porterà di sicuro dei rinforzi importanti, ma senza dare continuità ad un progetto così interessante come quello iniziato lo scorso anno, le prospettive sarebbero state ben diverse. Sarri e De Laurentiis ancora avanti insieme dunque, con reciproca soddisfazione

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia
  •   
  •  
  •  
  •