Semifinali Europa league, Siviglia Shakhtar 3-1 interviste

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui

Europa-league-2016-752x440
SIVIGLIA – Allo Stadio Sanchez-Pizjuan di Siviglia, la seconda semifinale di ritorno di Europa League tra Siviglia Shakhtar è terminato con il risultato di 3-1 per gli spagnoli grazie alla doppietta di Gameiro al 9′ (errore di Malyshev, il francese recupera ed involandosi in area, conclude a rete) ed al 47′ (tocco di Krychowiak verso il francese che salta Pyatov e ribadisce a rete a porta vuota). Il terzo gol della squadra spagnola è arrivato al 59′ con Ferreira grazie ad una grandissima conclusione dalla distanza, mentre il gol della bandiera dello Shaktar porta la firma di Eduardo poco prima dell’intervallo (minuto 44′), che batte Soria dopo essere stato servito da Marlos. La squadra di Emery è in finale di Europa League per la terza volta consecutiva, dove sfiderà il Liverpool di Klopp a Basilea il prossimo 18 maggio.

Siviglia Shakhtar interviste

UNAI EMERY, ALLENATORE SIVIGLIA: “TERZA FINALE CONSECUTIVA GRAZIE AL PUBBLICO” – Intervistato da Sky Sport, il tecnico spagnolo commenta così l’approdo della sua squadra in finale: “Tutte le finali sono speciali e tutte sono molto difficili. Questo è il frutto del lavoro e di un pubblico che ci è sempre stato vicino perchè gioca con noi questa competizione. Il pubblico vuole l’Europa League e ci ha portato alla terza finale consecutiva, la quinta nella storia del Siviglia. Ora sentiamo la pressione di vincere questa finale. Il Liverpool è una grande rivale. Dobbiamo goderci questo momento, preparare bene la finale e andare a Basilea capendo che viviamo un momento speciale. La finale sarà una bella partita contro un grande avversario e un grande pubblico. Saranno due squadre che renderanno la finale molto bella. Se siamo favoriti? No. Il Siviglia conosce la sua umiltà, sa bene che deve giocare al massimo per vincere questa finale perchè il nostro avversario è molto forte”

MIRCEA LUCESCU, TECNICO SHAKHTAR: “TROPPI RIMPIANTI ALL’ANDATA” – A Sky il tecnico rumeno analizza così la prestazione degli ucraini: “C’è qualche rimpianto per la prima gara, dove abbiamo sprecato tante occasioni e concesso nel finale un rigore a loro. Credo che in questa gara di ritorno abbiamo pagato la pressione per un pubblico incredibile, che ha causato qualche errore da parte dei miei ragazzi. La loro pressione si è fatta sentire molto”.

  •   
  •  
  •  
  •