Serie B, Livorno: Pinsoglio aggredito nel post partita

Pubblicato il autore: Collu Luca Segui

SERIE-B

Ieri è stata giocata l’ultima giornata di Serie B che ha sancito gli ultimi verdetti(qui la classifica aggiornata).
Ma quello che è successo ieri nel post partita tra Livorno e Lanciano ha poco a che vedere col calcio. La partita tra le due squadre è finita 2-2, ed ha sancito dopo 14 anni il ritorno in Lega Pro della squadra Toscana(la storia recente del Livorno).
I giocatori al fischio finale si sono avvicinati sotto la curva e i 10 mila tifosi presenti hanno inneggiato cori contro i giocatori(mercenari e senza attaccamento per la maglia) e contro la società(prima responsabile della retrocessione e degli scarsi risultati). Ma il portiere Italiano 26enne in prestito dalla Juventus Carlo Pinsoglio non si è recato con i suoi compagni a scusarsi con i tifosi. Infatti il giocatore di Serie B era stato preso di mira per una papera che ha condannato la squadra al pareggio finale e conseguente retrocessione(il video dell’errore). Dal profilo instagram del portiere della Serie B parte la polemica per il seguente post: “È facile criticare me, ora, per un errore. La gente, per tutto l’anno, ha fatto cag*** e nessuno ha detto niente. E ora, per un mio sbaglio, tutti a criticare. Bravi”.
I giocatori sono stati obbligati ad essere scortati dagli steward per via della contestazione all’Hotel Continental, dove un gruppo di sostenitori ha continuato a criticare copiosamente la squadra.
All’uscita però il giovane portiere della formazione di Serie B è stato preso di mira da un violento (scusate, ma non riesco a definirlo tifoso) , ed è stato colpito da un pugno davanti agli occhi dei suoi compagni di squadra senza che potessero reagire,e successivamente sono stati lasciati andare via.
Pinsoglio si è recato all’ospedale di Cisanello subito dopo(3 giorni di prognosi) dove ha pubblicato sullo stesso social network di essere stato vittima di uno scherzo di cattivo gusto:”Sono stato vittima di uno spiacevole scherzo di cattivo gusto, sono entrati a mia insaputa nel mio profilo instagram rispondendo in maniera sgradevole e poco corretta sia nei confronti di tutti voi tifosi sia nei confronti di tutti i miei compagni.” Il portiere di Serie B ha aggiunto poi “Posso solo chiedere scusa, spero che questo spiacevole episodio non metta in dubbio l’affetto e il rispetto che nutro per questa squadra, per i suoi tifosi e per l’intera città”.
L’episodio successo nell’ultima giornata di Serie B va in totale contrapposizione con quello che è realmente il mondo del calcio.
Il calcio è passione, amore per i giocatori della propria città, per i colori della propria squadra,che ci regala tante gioie e (ahimè) tante delusioni. Il calcio ha bisogno di tifosi veri, che sostengano le squadre, che le supportino e le aiutino a raggiungere gli obiettivi. Le stagioni possono andare male, ma ci si può sempre rialzare. Il calcio è fatto di cicli, tutte le grandi società hanno avuto dei periodi bui, ma col supporto dei tifosi e con la giusta preparazione, sono certo che il Livorno potrà ritornare ai vertici e realizzare gli stessi sogni che sino a poco tempo fa erano diventati realtà.

  •   
  •  
  •  
  •