Udinese – Giampaolo Pozzo analizza la stagione, aspettando l’ultimo match di Di Natale

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

Giampaolo-Pozzo.-Compro-vinco-vendo-il-modello-nord-est-nel-calcio-sono-io_h_partb

Giampaolo Pozzo, Presidente dell’Udinese, ma possessore anche di altre due squadre all’estero (il Granada Club de Fùtbol in terra Iberica ed il Watford Football Club in Inghilterra, è voluto intervenire ,a UdineseTv, per analizzare la stagione, oramai giunta quasi al termine: “Sono deluso per questa stagione, avevamo fatto sacrifici importanti e pensavamo di meritare una classifica migliore, almeno da decimo posto. Sono stati fatti tanti errori, con un monte ingaggi molto alto e con giocatori che non hanno mai visto il campo. Abbiamo fatto lo stadio e tutto ciò che dovevamo fare. Dobbiamo voltare pagina, non dovranno più succedere cose di questo tipo. Da anni siamo nella massima divisione ma il nostro obiettivo non deve essere la salvezza. La dobbiamo raggiungere il più presto possibile per poi puntare sempre più in alto. Guardiamo al futuro, abbiamo una base importante che sono i tifosi. Fortunatamente lo stadio nuovo ci ha dato una mano, vogliamo migliorare tutto e fare felici i tifosi che sono coloro che ci aiuteranno a crescere. Vogliamo ambire a livelli più importanti. Non abbiamo mai avuto un giocatore più forte di Antonio Di Natale, deve essere festeggiato e ricordato per sempre, è stato un grandissimo calciatore“.

Proprio su Antonio Di Natale, poi, si è concentrata, oggi, l’attenzione de “Il Gazzettino”. Il giornale ha voluto sottolineare come lo staff sanitario friulano stia cercando in tutti i modi di accellerare i tempi di recupero del giocatore campano, in modo da consentire un suo impiego nell’ultima partita contro il Carpi. Per quale motivo? Perchè si vuole concedere al giocatore, simbolo dell’Udinese degli ultimi dodici anni, la possibilità di giocare la sua ultima partita davanti al proprio pubblico, nel nuovo stadio, che per il suo beniamino sarà pronto a festa per dedicargli applausi dal primo fino all’ultimo minuto di gioco. Anche perchè il giocatore ha totalizzato, in Friuli, uno score impressionante: 384 presenze, in 12 stagioni, andando a segno 190 volte. Non solo, per ben nove volte è finito in doppia cifra, superando, poi, la quota di venti reti in quattro stagioni consecutive, ossia dalla 2009/2010 alla 2012/2013. Insomma, le motivazioni, per vedere ancora una volta Totò in campo, non mancano.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: