Ufficiale: Mihajlovic è il nuovo tecnico del Torino

Pubblicato il autore: Omar Bonelli Segui


Sinisa Mihajlovic è il nuovo allenatore del Torino, ha firmato un contratto biennale con la società granata, quindi riparte da qui la carriera del tecnico serbo.
Lo ha annunciato il presidente del Torino Cairo, questo il comunicato ufficiale della società granata: “Il Torino Football Club è lieto di annunciare che Sinisa Mihajlovic sarà il nuovo allenatore dalla prossima stagione sportiva. Il tecnico ha firmato un contratto biennale.

Il saluto del Presidente Cairo

“A nome di tutta la Società do il benvenuto a Sinisa Mihajlovic e al suo staff. Credo che dopo l’ottimo lavoro svolto insieme a Giampiero Ventura e ai suoi collaboratori, che ancora ringrazio, il mister Mihajlovic possa rappresentare la scelta ideale per proseguire nel percorso intrapreso in questi ultimi anni: ha già dimostrato di saper lavorare molto bene con i giovani, è ambizioso e incarna quelle doti di temperamento che da sempre connotano il Toro”.

Leggi anche:  Ottavi Euro 2020: dove si piazzano le migliori terze nel tabellone?

Le prime parole di Mihajlovic

“Voglio ringraziare il Presidente Cairo, il direttore Petrachi e tutto il Torino per la fiducia che hanno riposto in me. Poter lavorare in una Società dalla storia gloriosa e prestigiosa come il Toro è per me motivo di grandissimo orgoglio. Questa è una piazza unica, il pubblico granata è conosciuto in tutta Italia per la sua passione, per il suo grande attaccamento alla squadra, per quel suo forte senso di appartenenza alla maglia: sono valori importanti, in cui mi riconosco, anche per questo non vedo l’ora di cominciare”.

La carriera da allenatore di Mihajlovic

Sinisa Mihajlovic si appresta ad iniziare, la quinta avventura nel campionato italiano da allenatore, tutte in serie A, il suo percorso da tecnico è iniziato nella stagione 2008/2009, subentrato e esonerato a Bologna, poi l’ottima parentesi alla guida del Catania, dove rimane per una stagione e mezzo, conquistando 2 salvezze.
Poi la chiamata della Fiorentina dove vive alterne fortune, alla sua seconda stagione viene esonerato; successivamente diventa Ct della Nazionale serba, dove fallisce la qualificazione ai Mondiali del 2014, arriva in seguito la chiamata della Sampdoria dove l’allenatore serbo, ottiene risultati molto positivi; il resto è storia recente con l’arrivo al Milan, dove tutto sommato aveva fatto discretamente, ma il presidente rossonero Berlusconi, lo ha esonerato a 6 giornate dalla fine di questa stagione.

  •   
  •  
  •  
  •