Verso Francia 2016: le ultime amichevoli

Pubblicato il autore: andrea nervuti Segui

francia 2
A meno di tre settimane dal fischio d’inizio di Francia 2016, si disputano le ultime amichevoli fra le nazionali in partenza per l’europeo. Test utili per sradicare definitivamente gli eventuali  dubbi rimasti nella testa dei commissari tecnici ancora indecisi.

Il match clou è senza dubbio Irlanda –Olanda, in programma alle 20.45. Se da una parte gli Orange (clamorosamente fuori dal torneo continentale) sono un cantiere aperto, dall’altra i Verdi di Martin O’Neill sono alla disperata ricerca di qualche certezza su cui contare.

Entro il 31 Maggio ci saranno da stilare le liste definitive e la situazione a Dublino non sembra delle più rosee. Il problema principale riguarda la condizione fisica di James Mc Carthy. L’esterno dei “Toffees” è alle prese con un principio di pubalgia che preoccupa non poco i sanitari della nazionale.

“Ha giocato tante partite quest’anno con l’Everton. La sua condizione è da monitorare giorno dopo giorno perché oltre alla stanchezza paga anche la non perfetta forma fisica” ha chiosato l’ex manager dell’Aston Villa. Un rebus che non colpisce soltanto il centrocampista –stakanovista del club di Martinez, ma anche il portiere veterano Shaun Given ed il difensore Ciaran Clarke.

Un capitolo a parte lo merita l’ala sinistra Aiden McGeady. Talento sbocciato precocemente nelle file del Celtic, ma che col passare del tempo si è un po’ perso per strada. In patria veniva paragonato a Damien Duff, uno degli idoli della nazione del trifoglio, ma alla soglia dei trent’anni non ha del tutto mantenuto le attese. Nel 2010 vola da Glasgow a Mosca, dove passa 4 anni nello Spartak (72 presenze 11 gol). Nel 2014 torna in Gran Bretagna per confrontarsi con la Premier League, ma la sua esperienza all’Everton è quasi un calvario: appena 31 presenze condite dalla miseria di una sola rete. Dall’inverno 2016 gioca – si fa per dire- nello Sheffield Wednesday, nella seconda serie del calcio inglese.

Tuttavia, nel finale d’intervista, Martin O’Neill sottintende che un posto sull’aereo verso Parigi per l’ex bambino prodigio ci sarebbe: ” da questo match otterrò moltissime indicazioni. L’Olanda è sempre l’Olanda ma noi dovremo esser all’altezza sforzandoci di giocare sempre a pallone”.

Insomma, praticamente tutti avranno un interesse specifico per seguire questa partita, Conte compreso.

Agli europei, i verdi esordiranno il 13 Giugno contro la Svezia, prima di affrontare il Belgio  per poi finire il girone di fronte all’Italia di Buffon e compagni.

Non c’è solo I’Irlanda però, poichè stasera si gioca anche sull’altra sponda dell’Irish Sea.

In terra d’Albione – e più precisamente allo “Stadium of Light” di Sunderland- si giocherà un test dal sapore coloniale: l’Inghilterra sfiderà l’Australia. Mai come questa volta la nazionale dei tre leoni sembra poter entrare di diritto nel manipolo delle candidate al titolo, anche se il CT Roy Hodgson dovrà farà già i conti con la prima perdita stagionale (problema inguinale per il centrocampista del City Fabian Delph, che probabilmente non sarà fra i 23 convocati nella campagna transalpina).

Il match sarà visibile alle 20.45 su Fox Sports.

Altre Partite. Ore 17.30 Slovacchia – Georgia; ore 18.00 Repubblica Ceca – Malta; Ore 20.45 Croazia – Moldavia, Inghilterra – Australia, Irlanda – Olanda; Irlanda del Nord – Bielorussia.

Andrea Nervuti

 

  •   
  •  
  •  
  •