Accusa su presenti abusi sessuali, De Gea smentisce: “Sono tutte falsità”

Pubblicato il autore: Rocco Menechella Segui
de gea saltaDe Gea smentisce. Caso a luci rosse scuote la Spagna di Vicente del Bosque e il portiere David De Gea.  Il quotidiano online di Madrid ElDiario.es ha rivelato che il portiere delle Furie Rosse e del Manchester United è stato citato da una teste protetta nell’inchiesta su un giro di sfruttamento di ragazze costrette alla prostituzione gestito dal `re del porno´ Ignacio Allende Fernandez detto `Torbe´. Una vicenda di presunte violenze sessuali che coinvolgerebbe altri due calciatori spagnoli. Il caso è per ora però poco chiaro. Fonti della polizia hanno detto a El Mundo di ritenere che “non ci sia stato reato”. La ragazza, identificata come il teste protetto `TP3´ nell’ inchiesta contro Torbe, accusato anche di violenze a una minore, ha detto di essere stata costretta nel 2012 a partecipare con un’altra donna a un incontro sessuale con il giocatore dell’Athletic Bilbao Iker Muniain e con un altro calciatore, che sarebbe stato organizzato e pagato per i compagni da De Gea. Nelle sue dichiarazioni alla polizia riprodotte da ElDiario, TP3 ha detto che Torbe le avrebbe promesso danaro per incontrare i due calciatori in una suite di un 5 stelle di Madrid, ma che poi non sarebbe stata pagata. Si sarebbe rifiutata di entrare nella stanza, e Torbe l’avrebbe costretta «tenendola fermamente per il braccio» e imponendole di «soddisfare tutte le loro esigenze». La donna ha sostenuto che con l’altra ragazza sarebbe stata «abusata sessualmente» dai due calciatori. Per El Confidential il secondo giocatore potrebbe essere Isco del Real Madrid, indicato in un secondo tempo dalla donna. Alcune fonti hanno parlato però di un altro giocatore del Bilbao. `TP3´, le cui dichiarazioni sulle attività in generale dell’imprenditore del porno hanno portato in aprile al suo arresto, sarebbe però poi rimasta in contatto con De Gea e Muniain via whatsapp. Il portiere del Manchester le avrebbe proposto un altro incontro. Non si sa se ci sia stato o meno. Tutta la vicenda sembra per ora da prendere con prudenza. La stampa di Madrid rileva che finora nessuno dei tre giocatori è stato interrogato, e tanto meno risulta indagato.

Leggi anche:  Tacconi ricorda: "Maradona mi ha fatto prendere tante multe. A Napoli mi davano sempre del cornuto"

In conferenza stampa però il portiere dei Red Devils De Gea smentisce tutte le voci: “Sono il primo ad essere sorpreso da questa notizia e voglio smentirla. Sono solamente delle falsità. Ho il sostegno dei miei compagni di squadra, per questo motivo resto con forza con la nazionale spagnola. Hanno tutto in mano i miei avvocati. Potranno dire tutto quello che vogliono, sono solamente delle falsità. Sono molto calmo, non vedo l’ora di tornare a fare quello che mi piace, ossia allenarmi “. Ed ha anche dichiarato di aver voluto avvertire preventivamente la sua famiglia di quanto stava per accadere, ossia della sua presenza in conferenza stampa per smentire queste voci che si sono formate: ” Ho sentito tutto mentre ero nella stanza, ho avvertito di tutto quanto stava accadendo la mia famiglia. Sono tranquilli come me perchè mi conoscono . Non ho idea da dove siano arrivate queste notizie, ma in ogni caso voglio andare avanti e non farci caso perchè sono tutte delle falsità

  •   
  •  
  •  
  •