Cile-Bolivia 2-1: doppio Vidal, ma l’arbitro ci mette del suo

Pubblicato il autore: Alessandro Legnazzi Segui

Al Gillette Stadium di Foxborough, Massachusetts, Cile-Bolivia è finita 2-1. Doppietta di Arturo Vidal che realizza il gol vittoria su rigore al 99′, un penalty contestatissimo e inesistente. Bolivia eliminata a testa.

Copa America Centenario
PRIMO TEMPO CILE-BOLIVIA –
Juan Antonio Pizzi cambia sulla corsia sinistra: rispetto alla gara con l’Argentina, Beausejour torna a fare il terzino (e non più l’ala) e il suo posto nel reparto avanzato lo prende Orellana; poi fuori el Principe Diaz, dentro Hernandez. Entrambe le squadre sono reduci da momenti difficili, il Cile da un cambio epocale in panchina, la Bolivia per la scarsità qualitativa è reduce da cinque sconfitte consecutive.

Bolivia molto accorta, 5-4-1 con dieci uomini sotto la linea della palla e Duk a lottare contro Medel e Jara: evidentemente la brutta sconfitta con Panama (frutto dell’incomprensibile 3-4-3 adottato da Baldivieso) ha portato miti consigli. Si muove qualcosa al 23’ per i campioni del Sud America in carica: lancio di Jara a superare la pressione boliviana, stop e dribbling di Sanchez, palla al centro, Eguino salva toccando con il braccio ma per l’arbitro non ci sono gli estremi del rigore. Al 40’ la squadra di Pizzi sfiora il vantaggio con una bella azione sulla sinistra organizzata da Orellana, Vidal non trova il tap-in dopo una mischia concitata in area di rigore della Bolivia.

Il primo tempo si conclude senza reti e con Jara nervosissimo per le continue perdite di tempo degli avversari, in modo particolare del portiere Lampe, a forte rischio ammonizione.

SECONDO TEMPO CILE-BOLIVIA – É un altro Cile quelle che esce dagli spogliatoi, più aggressivo nei contrasti. Hernandez ruba palla sulla propria trequarti campo, tocco per Pinilla, Vidal s’inserisce e chiude l’azione… rete! Come al solito Arturo Vidal segna con un inserimento letto con un timing perfetto, Cile in vantaggio dopo trentaquattro secondi nel secondo tempo. Adesso la Bolivia è costretta ad aprirsi e, almeno, a proporre con due uomini offensivi fissi.

La Bolivia esce dal guscio e al 60′ trova il pareggio con una punizione tirata in modo magistrale da Campos. Il numero dieci l’ha messa all’incrocio da posizione defilata, una splendida conclusione a giro che supera Claudio Bravo ed entra di diritto tra i migliori gol di sempre della Copa America. La reazione dei campioni arriva da palla inattiva al 73′: il solito Sanchez batte la solita punizione a giro sopra la barriera, Lampe para e Puch non la ribatte. Ancora Cile, un minuto dopo, cross di Isla, Sanchez difetta nello stop, Vidal calcia da terra addosso al giocatore dell’Arsenal e la palla rimpalla fuori: incredibile uno-due sbagliato dalla Roja in poco più di sessanta secondi.

Pizzi si è accorto troppo tardi che poteva spingere anche sulla destra, con Isla. Le recenti occasioni da gol sono nate proprio dal piede del giocatore della Juventus. A quattro minuti dal termine l’ennesimo rimpallo salva la fortunatissima Bolivia, Sanchez salta Lampe in dribbling, mette al centro una palla come può, salva sulla linea Zenteno.

Si gioca per otto minuti di recupero, tanti quanto il tempo perso per il trauma subito da Eguino sulla cilena provata da Edu Vargas. Al quarto degli otto concessi viene fischiato un rigore (inesistente) per il Cile: dal dischetto va Vidal… rete! Al 101′ Ramallo crea l’occasione del pareggio ma calcia un centimetro fuori dal palo. É finita, ha vinto il Cile 2-1!

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: