Copa America: Uruguay fuori, Messico e Venezuela ai quarti

Pubblicato il autore: Max Mostes Segui

Copa America Centenario

Prima sorpresa di questa edizione della Copa America: nel gruppo C l’Uruguay torna a casa, sconfitto dal Venezuela, che conquista la seconda vittoria di fila e approda ai quarti con un turno di anticipo. Stacca il pass per la seconda fase pure il Messico, che batte 2-0 i “Reggae Boys” della Giamaica, fermi a zero punti ed eliminati. La Copa America non si ferma: questa notte nel gruppo D si sfidano Cile – Bolivia e Argentina – Panama.

Dopo aver battuto la Giamaica nella partita d’esordio il Venezuela si ripete contro la Celeste con lo stesso punteggio, uno a zero. A Philadelphia (Pennsylvania) non gioca Suarez, Washington Tabarez si affida al classico 4-4-2 col tandem offensivo Stuani – Cavani. Prima occasione per l’Uruguay al 31′, cross di Ramirez, Cavani (in fuorigioco) sfiora, la sfera scheggia il palo esterno alla destra di Hernandez. Al 36′ il gol partita della “Vinotinto”: Guerra tenta di emulare la magia di Florenzi contro il Barcellona, con un tiro da metá campo da posizione defilata, Muslera si supera deviando il pallone sulla traversa, ma sulla respinta corta Rondon non sbaglia. Nella ripresa Peñaranda spreca il raddoppio a tu per tu con Muslera, mentre Cavani sciupa la chance del pari calciando fuori da una decina di metri. La rabbia di Suarez é l’istantanea che riassume la serata degli uruguaiani: dopo essersi scaldato per quasi tutto il secondo tempo al Pistolero viene comunicato che é nella lista infortunati, formalmente non in panchina, e quindi impotente davanti alla disfatta della sua nazionale.
L’Uruguay dará l’addio a questa Copa America nel match di martedí notte contro la Giamaica: in palio l’onore e nulla piú. In ogni caso, bye bye Uruguay. Dall’altra parte un Venezuela piú concreto e volenteroso, ben messo in campo dal CT Dudamel e guidato in campo dal genoano Rincon. Per la “Vinotinto” il sogno continua.

URUGUAY (4-4-2): Muslera, Gimenez, Godin, Maxi Pereira, Gaston Silva, Sanchez (dal 78′ Lodeiro), Ramirez (dal 73′ Rolan), Arevalo Rios, Alvaro Gonzalez (dal 80′ Corujo), Stuani, Cavani. CT: Tabarez.

VENEZUELA (4-4-2): Hernandez, Angel, Vizcarrondo, Rosales (dal 8′ Gonzalez), Feltscher, Figuera (dal 79′ Otero), Rincon, Guerra, Penaranda, Rondon (dal 78′ Seijas), Martinez. CT: Dudamel.

MARCATORE: 36′ Rondon.

Nella seconda gara della notte il Messico blinda la qualificazione regolando con un goal per tempo la Giamaica (visita il link per gli highlights). Al Rose Bowl di Pasadena apre le marcature al 18′ il “Chicharito” Hernandez con una pregevole incornata di testa su cross di Jesus Corona. Diverse occasioni per i centroamericani di Kingston, ma Ochoa, che torna fra i pali dopo la panchina all’esordio con l’Uruguay, é insuperabile. Al 78′ fuori Hernandez dentro Peralta: il neoentrato impiega solo tre minuti per siglare il due a zero, finalizzando un’azione rifinita da Herrera, uomo-mercato di proprietá del Porto. Nell’ultima giornata la Tricolor affronterá il Venezuela, in palio il primo posto, che garantisce, almeno sulla carta, un accoppiamento piú abbordabile nei quarti di finale della Copa America.

MESSICO (4-3-3): Ochoa, Araujo, Corona, Moreno, Duenas (dal 72′ Molina), Marquez, Layun, Herrera, Jimenez, Corona (dal 63′ Lozano), Hernandez (dal 78′ Peralta). CT: Osorio.

GIAMAICA (4-4-2): Blake, Morgan, Watson, Mariappa, Taylor, Hector, McAnuff (dal 62′ Binns), Williamson (dal 77′ Orgill), McCleary, Donaldson, Barnes. CT: Schafer.

MARCATORI: 18′ Hernandez, 81′ Peralta.

  •   
  •  
  •  
  •