Dal calciomercato alla cessione del club: a Palermo regna l’immobilismo

Pubblicato il autore: nicola bargione Segui

PalermoEsattamente un mese e mezzo fa, la notte del 15 Maggio, il Palermo battè, allo stadio Renzo Barbera, 3-2 L’Hellas Verona e conquistò una salvezza insperata e inaspettata a cui non credeva nessun tifoso rosanero. Da quella sera tutto è fermo, tutto tace sul fronte societario e quello del calciomercato ed i tifosi sono molto preoccupati.
Le uniche mosse vere di mercato sono state il ritorno di Rino Foschi come direttore sportivo,la conferma di Gianni Di marzio come consulente di Zamparini e il ritorno dal prestito al Brescia di Embalo. Poi solamente addii, di giocatori a fine contratto e fine prestito: il Capitano Sorrentino che è ritornato al Chievo dove aveva militato fino al 2013, Maresca che si è svincolato, Bryan Cristante e Gaston Brugman andati al Pescara e vari giovani ceduti in lega pro.
Il nodo cruciale del mercato del Palermo riguarda la cessione di Franco Vazquez e Achraf Lazaar, il primo molto probabilmente al Milan e il secondo il Francia, al Lione. La vendita di questi due giocatori, al momento, risulta essere difficile per motivi diversi: per l’italo-argentino Zamparini chiede 25 milioni di euro, che il club rossonero non intende pagare. Vincenzo Montella, neo tecnico milanista, dovrà decidere insieme alla società se puntare sul fantasista. Comunque, Franco Vazque, ha molti estimatori, soprattutto in Inghilterra, dove sono disposti a pagare la clausola. Per il terzino sinistro, la situazione è diversa perchè ha alcune richieste in Francia: la più importante è quella del Lione disposto a pagare circa 8-10 milioni per assicurarsi le prestazioni del marocchino.
La situazione più intricata riguarda Gilardino: il club vorrebbe sciogliere il contratto dell’attaccante campione del mondo, che lo legherebbe al club fino al 30 giugno del 2018. Il biellese gudagna un milione di euro annuali e zamparini, che sta facendo tagli sul monte ingaggi, vorrebbe cedere l’attaccante protagonista la scorsa stagione con 10 gol. A quanto pare il giocatore non vorrebbe lasciare la squadra siciliana, anzi sembra che vorrebbe presentarsi in ritiro in Austria. Questo “caso Gilardino” ha fatto infuriare i tifosi rosanero, tant’è che sono stati affissi striscioni pro gilardino e contro la società davanti lo stadio e sui social network è stato lanciato l’hastag #iostocongila. I supporters siciliani desiderano la permanenza del bomber e vorrebbero che sia lui, per la prossima stagione, il capitano dei rosanero.
Il mercato in entrata del Palermo non stuzzica le fantasie dei tifosi, anzi tutt’altro.Si fanno i nomi di Camillo ciano del Cesena, i portieri Agazzi e Pegolo, il centrocampista Gazzi del Torino e il difensore Rossettini del Bologna, e con quest’ultimo si prospetta uno scambio alla pari con il costaricense Gonzalez.
Il presidente Zamparini, già da alcuni anni, vorrebbe cedere le quote del club a un investitore straniero,ma ancora oggi non è riuscito a trovare nessuno disposto ad acquistare. Nel corso di questi anni dalla Sicilia sono passati: arabi, americani, cinesi, giapponesi, indonesiani, russi, ma nessuno di loro è mai stato realmente interessato al club. Negli ultimi mesi, si erano fatti i nomi di alcuni investitori americani vicini a Joe Tacopina, diventato presidente del Venezia nel 2015 e Joey Saputo, presidente del Bologna, ma tutte le trattative o possibilità che gli americani sbarcassero a Palermo sono naufragate.
Nelle ultime settimane si era parlato di un gruppo di imprenditori cinesi, ma non si ha avuta più nessuna notizia.
Il futuro del Palermo calcio sembra molto incerto e i tifosi sono molto arrabbiati e preoccupati perchè non sanno cosa avverrà nei mesi a seguire. L’unica cosa che desiderano è solo tranquillità: sia in società, sia che per il prossimo campionato di serie A.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: